“Tra il 21 e il 23 facciamo ordinanze a doppia firma e blindiamo tutti i 13 comuni del Lodigiano e Vo’ Euganeo. Dopo quelle scelte ci fu una reazione molto diffusa che tendeva a dire che avevamo esagerato. Senza distinzione di colore politico”. Lo ha raccontato il ministro della Salute, Roberto Speranza, ospite alla Festa del Fatto Quotidiano, ripercorrendo i giorni in cui stava per esplodere l’emergenza sanitaria in Italia. Intervistato da Gad Lerner e Maddalena Oliva alla Festa del Fatto Quotidiano (rivedi l’incontro integrale), il ministro ha spiegato di aver mantenuto sempre “la linea rigida” nonostante non fosse facile capirlo: “Non avevamo un manuale, non c’era una soluzione scontata”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Speranza alla Festa del Fatto: “Lo studio ‘segreto’ del Cts mi fu presentato a febbraio da un esponente della Regione Lombardia”

next
Articolo Successivo

Speranza alla Festa del Fatto: “Immuni? Reinvestire nella app. Sbagliano leader politici che invitano a non scaricarla”

next