“Tra il 21 e il 23 facciamo ordinanze a doppia firma e blindiamo tutti i 13 comuni del Lodigiano e Vo’ Euganeo. Dopo quelle scelte ci fu una reazione molto diffusa che tendeva a dire che avevamo esagerato. Senza distinzione di colore politico”. Lo ha raccontato il ministro della Salute, Roberto Speranza, ospite alla Festa del Fatto Quotidiano, ripercorrendo i giorni in cui stava per esplodere l’emergenza sanitaria in Italia. Intervistato da Gad Lerner e Maddalena Oliva alla Festa del Fatto Quotidiano (rivedi l’incontro integrale), il ministro ha spiegato di aver mantenuto sempre “la linea rigida” nonostante non fosse facile capirlo: “Non avevamo un manuale, non c’era una soluzione scontata”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Speranza alla Festa del Fatto: “Lo studio ‘segreto’ del Cts mi fu presentato a febbraio da un esponente della Regione Lombardia”

next
Articolo Successivo

Speranza alla Festa del Fatto: “Immuni? Reinvestire nella app. Sbagliano leader politici che invitano a non scaricarla”

next