“Mio marito stava combattendo contro una malattia mortale. Tutte le zone del suo cervello erano state attaccate dalla malattia. Un’esperienza che lo ha totalmente disintegrato”. A sei anni dalla morte di Robin Williams, ecco la verità sulla morte dell’attore. La vedova Susan Schneider Williams ha rotto il silenzio sul suicidio del marito all’interno di “Robin’s Wish”, un docu-film disponibile on-demand da settembre che racconterà gli ultimi giorni di vita dell’attore. “Per troppe persone è stato difficile capire perché Robin se ne sia andato. Quando qualcuno si toglie la vita, c’è sempre qualcosa di più e questo film è quel qualcosa in più”, ha raccontato Susan, che lo aveva sposato nel 2011 ed era la sua terza moglie.

Era l’11 agosto del 2014 quando l’attore, 63enne, ha deciso di togliersi la vita nella sua casa di San Francisco Bay. Ufficialmente la morte è avvenuta per “asfissia per impiccagione”, ma l’esame tossicologico aveva messo in evidenza la presenza di antidepressivi, caffeina e di un farmaco utilizzato per il trattamento del morbo di Parkinson. Eppure, nonostante gli fosse stato diagnosticato proprio il Parkinson, Robin Williams soffriva di un’altra malattia: la demenza a corpi di Lewy, un male neurodegenerativo che attacca il cervello. “La demenza a corpi di Lewy è una patologia devastante che aumenta ansia insicurezza e scatena delusioni”, ha spiegato nel trailer del film il dottor Bruce Miller, che è un famoso neurologo conosciuto in tutto il mondo.

Il racconto della moglie è straziante: “La sua andatura era lenta e claudicante. A volte non riusciva a muoversi e, quando ne usciva, era frustato. La cosa peggiore era quando si bloccava mentre parlava, perché non riusciva a trovare le parole. Aveva problemi di vista, non riusciva a valutare né la distanza, né la profondità. Era sempre confuso, poi gli hanno diagnosticato la malattia. Lo sapeva, era cosciente del brutto male che aveva, ma cercava sempre di controllarsi. L’ultimo mese, non ce la faceva più ed è così che è arrivata la caduta finale”. Proprio sul set del suo ultimo film, “Notte al museo – Il segreto del faraone”, Williams aveva confidato ai suoi collaboratori di non sentirsi più lo stesso. “Sul set era chiaro a tutti che a Robin stava succedendo qualcosa e ricordo che un giorno mi disse “non so cosa mi stia succedendo, non sono più io””, ha raccontato il regista Shawn Levy all’interno del documentario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Banderas, l’annuncio nel giorno del suo compleanno: “Sono positivo al Covid-19”

next
Articolo Successivo

L’omicidio di Sarah Scazzi diventa una serie tv e un documentario

next