Le nipotine di Lady D si sposano: le sorelle Amelia e Kitty Spencer hanno annunciato il loro fidanzamento a qualche mese di distanza. Le due ragazze sono le figlie del IX conte Spencer, il fratello di Diana, quindi cugine dei principi Harry e William. Non fanno parte della cerchia reale ma hanno comunque titolo di ‘Lady’. Kitty, modella, ambasciatrice di Bulgari e musa di Dolce e Gabbana, sposerà il multimiliardario Michael Lewis (trent’anni più di lei) mentre la sorella Amelia ha annunciato il suo matrimonio con l’agente immobiliare Greg Mallet, conosciuto all’università di Cape Town.

E c’è chi scommette già su un doppio matrimonio nella chiesa anglicana di St. Mary, un gioiello medievale, all’interno della tenuta di Althorp, 14 mila acri di terra, dimora ancestrale e privatissima della famiglia Spencer costruita da Robert, conte di Sunderland nel 1688, con all’interno preziosi dipinti di maestri fiamminghi come Antoon van Dyck e una mostra permanente dedicata a Diana, Principessa di Wales, ospitata nelle antiche scuderie. Le due ragazze sono molto legate ai cugini reali, con cui spesso hanno passato le vacanze a Cape Town: entrambe erano al matrimonio di William Kate, con tanto di cappellini stravaganti.

Il padre ha rivelato che il corteggiamento di Amelia è stato all’antica – come si conviene a una lady, d’altronde – e che il futuro sposo ha chiesto prima la benedizione del padre. “Sono così felice per mia figlia, da 11 anni accanto al suo Greg. È bello vederli così felici e emozionati all’idea di costruire insieme il loro futuro. Ho molto apprezzato che Greg abbia chiesto la mia benedizione prima di domandare la sua mano. È stato molto cortese e elegante da parte sua”.

Si aspetta ora che anche la giovane Eliza si decida al grande passo. Ma il vero scapolo d’oro è il più giovane della famiglia, Louis, erede del patrimonio di famiglia nel Northamptonshire, in particolare della tenuta di Althorp, dove è sepolta la principessa del Galles.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esplosione Beirut, George Clooney e Amal donano 100mila dollari: “Siamo preoccupati”

next
Articolo Successivo

Morta Franca Valeri, aveva da poco compiuto 100 anni. Uno dei personaggi più ironici e raffinati della scena italiana

next