È sopravvissuta a 50 arresti cardiaci e, nonostante tutti i timori, anche al parto di Francesco, il suo secondogenito che oggi ha 8 mesi. Questa è la storia di Katia Contiguglia, 32enne romana, che al Corriere della Sera ha raccontato dei suoi problemi di salute, ad oggi ancora senza spiegazione, e di come la nascita di questo secondo figlio le abbia “ridato il futuro”.

Per la donna, già mamma di Erika, 2 anni e mezzo, i problemi sono iniziati il 31 marzo del 2018: “Mi sono svegliata la mattina e ho sentito subito che qualcosa non andava. Eravamo in vacanza a Napoli a casa dei miei suoceri. Sono svenuta. Fabio era vicino a me. Mi ha salvata mia suocera che aveva seguito proprio la settimana prima un corso di primo soccorso e aveva imparato le manovre della rianimazione manuale”.

Gli arresti cardiaci si susseguono per 6 giorni, è un continuo uscire e rientrare nella vita, il coma incombe e non la molla per 8 giorni, i cardiologi di Napoli non riescono a darsi una spiegazione”, scrive il Corriere. Poi la decisione di trasferirla a Milano dove viene operata: ablazione del cuore e impianto di un defibrillatore permanente. Lei si riprende ma la diagnosi resta incerta: fibrillazione ventricolare idiopatica.

“Ho il ricordo dei risvegli in ospedale, dei medici che parlavano e io che non sapevo dove fossi. Una sensazione orribile. Nei primi mesi avevo paura del mio cuore matto. Mi aveva tradita già 50 volte e avrebbe potuto riprovarci. Quando sono rimasta incinta credevo che non sarei riuscita a sostenere la gravidanza. E fino in ultimo in sala parto ero spaventata che sforzandomi non avrei retto“. Ma il 27 dicembre del 2019 Francesco è nato con un parto naturale e lei ha sentito che il suo cuore ora è più forte di tutto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesca Cipriani posa seminuda sul ciglio della strada: un vigile vuole multarla

next
Articolo Successivo

Cameron Diaz rompe il silenzio sul ritiro dalle scene: “Il cinema mi aveva imprigionata”

next