Chi decide di partire quest’estate e abbandonarsi a qualche giorno di meritato relax, lo farà spostandosi nella gran parte dei casi in auto, soprattutto per scongiurare ansie da contagio affidandosi ad aerei o treni.

La ricerca condotta dal sito brumbrum.it sulle ultime tendenze degli italiani in fatto di auto sulle tipologie più acquistate – prendendo in considerazione gli incrementi di vendite di giugno, rispetto ai mesi precedenti – piazza al primo posto Tesla Model S. L’elettrica infatti, nel sesto mese dell’anno, ha triplicato i volumi di vendita per quanto riguarda l’usato online.

Segue in classifica la Fiat Tipo modello station wagon, che ha raggiunto un +185% di vendite sui mesi precedenti, mentre Citroen C5 Aircross è poco sotto, con un incremento del 182%. A stupire però è la presenza quasi stoica della Fiat Uno, che nel mese di giugno ha segnato un +179% di vendite, e anche della Peugeot 307 che si mantiene comunque nelle prime 10 posizioni.

Non mancano comunque le sport utility, come Ford Ecosport e Mazda CX-3, ma anche le sportive rappresentate da Bmw Z4 Coupé e le monovolume Volkswagen Sharan e Bmw Serie 2 Gran Tourer. Nella classifica delle tipologie più vendute, però, le utilitarie mantengono il primo posto (27%), seguite poi dalle berline (23%) e dai suv (13%).

Guardando alle alimentazioni, invece, l’Osservatorio di brumbrum.it consacra ancora il diesel (48% di preferenze), al secondo posto le motorizzazioni a benzina (37%) mentre GPL e metano conquistano rispettivamente 8% e 4% di acquirenti.

Infine, nonostante i numerosi modelli con trasmissione sia manuale che automatica, gli italiani continuano a scegliere quella manuale (66%), mentre l’altra si attesta al 34%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Tesla, un sensore a onde millimetriche come dispositivo anti-abbandono dei bimbi

next