Per farsi un selfie con Paolina Borghese si è seduto sulla statua del Canova, spezzando le dita del piede dell’opera. È quanto successo lo sorso 31 luglio nella Gipsoteca di Possagno: protagonista del gesto è un turista austriaco poi fuggito, ignaro di esser stato immortalato dalle telecamere di sorveglianza del museo. A denunciare il fatto è Vittorio Sgarbi, il critico d’arte presidente della Fondazione Antonio Canova, che sui social ha parlato di vero e proprio “oltraggio”. “Dopo la riapertura dei musei, e tra questi il Museo Gipsoteca di Possagno – racconta Sgarbi su Facebook – si registra un episodio clamoroso, che non viene da visitatori italiani, né da extracomunitari, ma da un incosciente turista austriaco“.

Gli operatori della Gipsoteca hanno impiegato pochi minuti per individuare il danno e il responsabile e hanno denunciato tutto alle forze dell’ordine che ora sono al lavoro per rintracciare l’uomo. “Chiedo chiarezza e rigore alle forze dell’ordine e alla magistratura – ha incalzato ancora Sgarbi- individuando con gli strumenti di sicurezza il vandalo incosciente, e non consentendogli di rimanere impunito e di rientrare in patria. Lo sfregio a Canova è inaccettabile”. L’opera conservata alla Gipsoteca di Possagno dal 1829 è il modello originale in gesso dell’opera in marmo esposta alla Galleria Borghese di Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morta la principessa Giorgiana Corsini: stroncata da un infarto mentre nuotava all’Argentario

next
Articolo Successivo

Pesto, tutti i segreti di questo condimento: dalle sue numerose proprietà a tutte le varianti – RICETTE

next