È morto a 73 anni Peter Green, il chitarrista che nel 1967 fu tra i fondatori della band dei Fleetwood Mac. La notizia della sua scomparsa è stata data dalla famiglia con un comunicato dei loro avvocati: “È con profonda tristezza che la famiglia di Peter Green annuncia la sua morte, avvenuta pacificamente nel sonno“, hanno fatto sapere.

Originario di Londra, Peter Green è considerato uno dei più importanti chitarristi della sua generazione e di sempre. Nel 1966, aveva preso il posto di Eric Clapton nei John Mayall & the Bluesbreakers e tre anni dopo fondò con il batterista Mick Fleetwood la band inizialmente nota come Peter Green’s Fleetwood Mac. A loro si aggiunse poi anche il bassista John McVie e negli anni successivi i Fleetwood Mac ottennero i loro primi successi con canzoni come Albatross, Man of the World e Oh Well. Nel 1970, a causa di problemi di salute mentale, Green lasciò la band e continuò la sua carriera come solista.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Imagine di John Lennon citata a casaccio? Piccolo ‘bignami’ (utile anche per politici) per farla finita

next
Articolo Successivo

Benny Benassi, il dj e produttore da Grammy si racconta a FQMagazine: “Lo stop forzato alle serate mi ha dato un’idea: ecco come vi farò ballare”

next