Oggi Xiaomi ha presentato gli smartphone entry-level Redmi 9A e Redmi 9C, che debutteranno inizialmente in Malaysia con un interessante prezzo di partenza che, al cambio attuale, è di circa 83 dollari. Si tratta di smartphone caratterizzati da schermi di grandi dimensioni, batterie generose, fino a tre telecamere posteriori, processore Helio G35 e altro ancora.

Partiamo anzitutto dai display. Entrambi gli smartphone sono dotati di pannelli LCD di tipo IPS, con diagonale di 6,53 pollici e risoluzione HD+ (720 x 1600 pixel), alla cui sommità è presente l’ormai classico notch a goccia in cui è alloggiata la fotocamera frontale da 5 Mpixel. Entrambi i dispositivi sono anche dotati di batterie da 5000 mAh, 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna, come sempre espandibile tramite schede microSD. Il sistema operativo infine è Android 10, con interfaccia proprietaria MIUI 11.

Passando alle differenze invece vediamo che il Redmi 9A è dotato di un processore octa-core Helio G25, mentre il Redmi 9C fa uso del più potente SoC octa-core Helio G35. Il Redmi 9A inoltre ha una singola fotocamera posteriore da 13 megapixel e manca di un lettore di impronte digitali. Il Redmi 9C invece di fotocamere posteriori ne ha tre, una principale da 13 megapixel, un obiettivo ultra grandangolare da 5 megapixel e il classico sensore da 2 Mpixel per i dati sulla profondità di camp. Sul 9C inoltre è presente sul retro anche il sensore di impronte digitali.

Redmi 9A e 9C sono dotati di altre funzionalità comuni come doppio slot SIM, moduli 4G, WiFi 802.11n, Bluetooth 5.0 e GPS, porta USB-C, sensore infrarossi e jack audio da 3,5 mm. Il Redmi 9A sarà disponibile per l’acquisto dal 7 luglio in tre varianti di colore (Midnight Grey, Twilight Blue e Peacock Green), a un prezzo come detto equivalente a circa 83 dollari. Il Redmi 9C arriverà invece a fine luglio nei colori arancione, nero e blu, a un prezzo di circa 100 dollari. Questi importi saranno ovviamente più elevati qualora il produttore dovesse decidere di portarli anche in Europa, a causa delle tasse e dei costi relativi a dogana e strutture distributive.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telemarketing selvaggio senza freni: il Garante per la Privacy denuncia numeri importanti anche per il 2019

next
Articolo Successivo

Amazon Echo 3ª generazione, smart speaker in offerta a metà prezzo

next