Oggi Xiaomi ha presentato gli smartphone entry-level Redmi 9A e Redmi 9C, che debutteranno inizialmente in Malaysia con un interessante prezzo di partenza che, al cambio attuale, è di circa 83 dollari. Si tratta di smartphone caratterizzati da schermi di grandi dimensioni, batterie generose, fino a tre telecamere posteriori, processore Helio G35 e altro ancora.

Partiamo anzitutto dai display. Entrambi gli smartphone sono dotati di pannelli LCD di tipo IPS, con diagonale di 6,53 pollici e risoluzione HD+ (720 x 1600 pixel), alla cui sommità è presente l’ormai classico notch a goccia in cui è alloggiata la fotocamera frontale da 5 Mpixel. Entrambi i dispositivi sono anche dotati di batterie da 5000 mAh, 2 GB di RAM e 32 GB di memoria interna, come sempre espandibile tramite schede microSD. Il sistema operativo infine è Android 10, con interfaccia proprietaria MIUI 11.

Passando alle differenze invece vediamo che il Redmi 9A è dotato di un processore octa-core Helio G25, mentre il Redmi 9C fa uso del più potente SoC octa-core Helio G35. Il Redmi 9A inoltre ha una singola fotocamera posteriore da 13 megapixel e manca di un lettore di impronte digitali. Il Redmi 9C invece di fotocamere posteriori ne ha tre, una principale da 13 megapixel, un obiettivo ultra grandangolare da 5 megapixel e il classico sensore da 2 Mpixel per i dati sulla profondità di camp. Sul 9C inoltre è presente sul retro anche il sensore di impronte digitali.

Redmi 9A e 9C sono dotati di altre funzionalità comuni come doppio slot SIM, moduli 4G, WiFi 802.11n, Bluetooth 5.0 e GPS, porta USB-C, sensore infrarossi e jack audio da 3,5 mm. Il Redmi 9A sarà disponibile per l’acquisto dal 7 luglio in tre varianti di colore (Midnight Grey, Twilight Blue e Peacock Green), a un prezzo come detto equivalente a circa 83 dollari. Il Redmi 9C arriverà invece a fine luglio nei colori arancione, nero e blu, a un prezzo di circa 100 dollari. Questi importi saranno ovviamente più elevati qualora il produttore dovesse decidere di portarli anche in Europa, a causa delle tasse e dei costi relativi a dogana e strutture distributive.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telemarketing selvaggio senza freni: il Garante per la Privacy denuncia numeri importanti anche per il 2019

next
Articolo Successivo

Amazon Echo 3ª generazione, smart speaker in offerta a metà prezzo

next