Dopo le ultime insistenti indiscrezioni, Xiaomi ha ufficialmente alzato il sipario su Redmi 9. Il nuovo smartphone di fascia bassa debutterà prima in Spagna, per poi presumibilmente raggiungere anche il nostro mercato. Come da tradizione, parliamo di un dispositivo caratterizzato da un ottimo rapporto qualità/prezzo accompagnato da una grandissima autonomia.

Le caratteristiche tecniche anticipate dunque di recente sono state tutte confermate. Cuore dello smartphone è il processore MediaTek Helio G80, abbinato a 3 o 4 Gigabyte di RAM e 32 o 64 Gigabyte di memoria interna, espandibile. Il design non è stato rivoluzionato rispetto al predecessore. La parte frontale ospita un display IPS LCD.

Quattro sono invece le fotocamere che compongono il comparto fotografico posteriore. Il sensore principale da 13 Megapixel (f/2.2) è accoppiato a un grandangolare da 8 Megapixel (f/2.2), uno da 2 Megapixel (f/2.4) per la profondità di campo e un ultimo da 5 Megapixel (f/2.4) per le macro. Il sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali appare incluso nello stesso modulo fotografico.

Il tutto è alimentato da una batteria da 5020 mAh con supporto alla ricarica rapida a 18 W. La ricarica è affidata alla porta USB Type-C. Completa la connettività che vede la presenza anche del chip NFC e del jack audio da 3,5 mm.

Redmi 9 sarà disponibile in Spagna a partire da 149 euro (3/32 GB) fino a toccare 179 euro per la versione 4/64 GB. Attendiamo informazioni circa una possibile commercializzazione sul mercato italiano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xiaomi Mi Notebook 14, foto, caratteristiche e prezzi dei nuovi notebook Windows 10

next
Articolo Successivo

Vulnerabilità hardware nei processori ARM, a rischio milioni di smartphone e tablet

next