Sono passati 10 anni dalla morte di Pietro Taricone. Era il 29 giugno 2010 quando l’amatissimo concorrente della prima edizione del Grande Fratello perse la vita in un incidente con il paracadute. E Salvo Veneziano, reduce dalla partecipazione all’ultimo Grande Fratello Vip ma anche compagno di Pietro in quella che fu la prima edizione del reality di Canale5, ha ricordato l’amico con un post su Instagram: “Un maledettissimo giorno ricordo quella maledetta chiamata come se fosse oggi… Mi rimbomba ancora nelle testa dopo 10 anni (“Salvo… Si ? Pietro non più con noi … “)”. Poi arrivano le scuse. Scuse per un rancore che Veneziano spiega con la rabbia di quei giorni: “Caro Pietro spero tanto che tu mi abbia perdonato, che ho portato dentro di me un rancore micidiale per la mamma di tua figlia perché per me “la colpa era sua” con quella passione del paracadutismo. Lo so lo so sono stato stupido a pensare queste cose… ma il dolore e la rabbia acceca le persone. PS chiedo scusa anche alla tua compagna. ❤️ Cmq io personalmente ti porterò sempre dentro di me”.

Visualizza questo post su Instagram

29/06/2010 Un maledettissimo giorno.. ricordo quella maledetta chiamata come se fosse oggi… Mi rimbomba ancora nelle testa dopo 10 anni (salvo ……….. Si ? Pietro non più con noi ….???? Caro Pietro spero tanto che tu mi abbia perdonato, che ho portato dentro di me un rancore micidiale per la mamma di tua figlia ,perché per me “la colpa era sua” con quella passione del paracadutismo .. lo so lo so sono stato stupido a pensare queste cose … ma il dolore e la rabbia acceca le persone ….. PS chiedo scusa anche alla tua compagna . . ❤️ Cmq io personalmente ti porterò sempre dentro di me .. #pietrotaricone #salvoveneziano #grandefratello #ricordi #pertuttalavita

Un post condiviso da Salvo Veneziano ???? (@salvovenezianoofficial) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enzo Salvi picchiato assieme al suo pappagallo: “È arrivato alle mie spalle e mi ha preso a calci”

next
Articolo Successivo

Fabrizio Corona e Nina Moric di nuovo insieme? Il figlio Carlos: “Papà deve risposare mamma”

next