Microsoft Surface Pro 7 è un prodotto molto interessante. Offre infatti gli ingombri di un tablet ma la potenza di un notebook di fascia alta, unendo così trasportabilità e versatilità. Al suo interno infatti è integrata un’ottima piattaforma hardware, inoltre all’occorrenza l’utente potrà anche decidere di acquistare separatamente la custodia con tastiera integrata e il pennino digitale, espandendone ulteriormente le capacità. Certo, tanta flessibilità d’uso ha un prezzo elevato, ma oggi Amazon l’allestimento con processore Intel Core i5, 16 GB di RAM e SSD da 256 GB è disponibile in offerta con un sostanzioso sconto di 308 euro, che abbassa il prezzo dagli originali 1599 euro a 1290,89 euro.

Il Surface Pro 7 è un tablet con elegante chassis in lega di magnesio, leggero e compatto, ed un display PixelSense da 12,3 pollici di diagonale con risoluzione di 2736 x 1824 pixel, che è uno dei migliori del mercato per qualità della gamma cromatica riprodotta e risoluzione. La versione in offerta oggi prevede un processore Intel Core i5, affiancato da 16 GB di RAM e un’unità a stato solido da 256 GB dedicata all’archiviazione dei dati. L’autonomia dovrebbe attestarsi attorno alle 10 ore e mezza.

La dotazione è poi completata da moduli WiFi e Bluetooth e da un parco porte completo, che comprende due porte USB, di cui una USB-C, un connettore jack da 3.5 mm per cuffie, una Mini DisplayPort, lettore di memorie microSDXC e due porte proprietarie per l’espandibilità e il collegamento della TypeCover.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Google Foto, addio alla sincronizzazione delle foto da WhatsApp e Instagram

next