La nuova gamma di smartphone di fascia media Redmi 10X si prepara a sbarcare anche in Europa: dopo la presentazione cinese avvenuta alla fine di maggio, i nuovi smartphone sono stati infatti inseriti nell’elenco degli smartphone supportati da Google con tanto di Play Store e servizi annessi, il che lascia presagire un imminente arrivo in Paesi diversi dalla Cina. Del resto c’erano pochi dubbi sulla possibile disponibilità dei nuovi smartphone al di fuori dei confini nazionali, ma ora sembra ormai certa.

Tre sono i modelli, tutti basati su processori MediaTek. Redmi 10X 4G è basato sull’Helio G85 con 4 o 6 GB di RAM e 128 Gigabyte di memoria interna. Frontalmente invece troviamo un display IPS LCD da 6,53 pollici con risoluzione Full-HD+. La fotocamera anteriore da 13 Megapixel è incastonata in un foro sullo schermo. La scheda tecnica si completa poi con quattro fotocamere posteriori, rispettivamente da 48, 8, 2 e 2 Mpixel e una batteria da 5020 mAh.

Redmi 10X 5G e Redmi 10X Pro condividono gran parte della scheda tecnica. Il processore è il MediaTek Dimensity 820 con 6 o 8 GB di RAM. Entrambi usano poi un display AMOLED da 6,57 pollici con sensore biometrico integrato e godono di una batteria da 4520 mAh, con supporto alla ricarica veloce rispettivamente da 22,5 W e 33 W. La fotocamera anteriore qui trova spazio in un notch a goccia rispettivamente da 16 Megapixel e 20 Megapixel. Cambia invece il modulo posteriore: Nel Redmi 10X 5G infatti troviamo moduli da 48, 8 e 2 Mpixel, mente nel 10X Pro ci sono sensori da 48, 8, 8 e 5 Mpixel. Il Redmi 10X Pro inoltre è l’unico dei due ad avere un chip NFC.

Sarà interessante capire quali saranno i prezzi e come il Redmi 10X 4G si posizionerà rispetto a Redmi Note 9, appena arrivato in Italia, con cui condivide gran parte della scheda tecnica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Digitalizzazione, l’Italia arretra nella classifica Ue. “Ultima per competenze digitali e solo il 13% ha accesso alla banda ultralarga”

next
Articolo Successivo

Europa, sei punti contro la disinformazione su Covid-19. E l’Italia pensa a una commissione d’inchiesta

next