Redmi ha ufficializzato con un evento trasmesso in streaming il Note 9S, versione dello smartphone Redmi Note 9 Pro destinato al mercato globale. Dopo la presentazione avvenuta in India pochi giorni fa dunque, lo smartphone di fascia medio-alta si appresta a raggiungere anche gli altri mercati, tra cui quello europeo.

Come il Redmi Note 9 Pro, che in India ha fatto registrare il tutto esaurito in pochi minuti, anche la controparte globale Note 9S punterà tutto su un mix tra prezzo contenuto, ottima autonomia e scheda tecnica valida in riferimento alla fascia di prezzo di appartenenza.

Quest’ultima infatti è formata da un processore Qualcomm Snapdragon 720G, affiancato da 4 o anche 6 GB di RAM e 64 o 128 GB di memoria interna destinata all’archiviazione dei dati, a seconda della configurazione. Per quanto riguarda il display, troviamo invece un pannello con diagonale di 6,67 pollici e risoluzione Full HD+ (2340 x 1080 pixel), protetto da vetro Corning Gorilla Glass 5. Il pannello, caratterizzato da un rapporto schermo/scocca pari al 91%, domina il frontale, anche grazie alla fotocamera frontale da 16 Mpixel, inserita in un foro anziché nel classico e più ingombrante notch.

Nella parte posteriore invece troviamo quattro sensori fotografici rispettivamente da 48 Mpixel per la camera standard, 8 Mpixel per il grandangolare, 5 Mpixel per il macro e il classico sensore da 2 Mpixel per raccogliere i dati sulla profondità di campo. Il vero punto forte del Redmi Note 9S è però la batteria, grazie alla capacità di 5020 mAh e la compatibilità con la ricarica rapida a 18 W.

I prezzi e la disponibilità per il mercato europeo sono ancora sconosciuti. La versione dello smartphone, disponibile nelle colorazioni Aurora Blue, Glacier White e Interstellar Grey, indirizzata al mercato indiano costa circa 155 euro per l’allestimento base con 4/64 GB e 190 euro per l’allestimento con 6/128 GB.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disney+: ecco come attivare la settimana di prova gratuita

next
Articolo Successivo

Apple, ecco le app più utili per fare tutto da casa

next