Redmi ha ufficializzato con un evento trasmesso in streaming il Note 9S, versione dello smartphone Redmi Note 9 Pro destinato al mercato globale. Dopo la presentazione avvenuta in India pochi giorni fa dunque, lo smartphone di fascia medio-alta si appresta a raggiungere anche gli altri mercati, tra cui quello europeo.

Come il Redmi Note 9 Pro, che in India ha fatto registrare il tutto esaurito in pochi minuti, anche la controparte globale Note 9S punterà tutto su un mix tra prezzo contenuto, ottima autonomia e scheda tecnica valida in riferimento alla fascia di prezzo di appartenenza.

Quest’ultima infatti è formata da un processore Qualcomm Snapdragon 720G, affiancato da 4 o anche 6 GB di RAM e 64 o 128 GB di memoria interna destinata all’archiviazione dei dati, a seconda della configurazione. Per quanto riguarda il display, troviamo invece un pannello con diagonale di 6,67 pollici e risoluzione Full HD+ (2340 x 1080 pixel), protetto da vetro Corning Gorilla Glass 5. Il pannello, caratterizzato da un rapporto schermo/scocca pari al 91%, domina il frontale, anche grazie alla fotocamera frontale da 16 Mpixel, inserita in un foro anziché nel classico e più ingombrante notch.

Nella parte posteriore invece troviamo quattro sensori fotografici rispettivamente da 48 Mpixel per la camera standard, 8 Mpixel per il grandangolare, 5 Mpixel per il macro e il classico sensore da 2 Mpixel per raccogliere i dati sulla profondità di campo. Il vero punto forte del Redmi Note 9S è però la batteria, grazie alla capacità di 5020 mAh e la compatibilità con la ricarica rapida a 18 W.

I prezzi e la disponibilità per il mercato europeo sono ancora sconosciuti. La versione dello smartphone, disponibile nelle colorazioni Aurora Blue, Glacier White e Interstellar Grey, indirizzata al mercato indiano costa circa 155 euro per l’allestimento base con 4/64 GB e 190 euro per l’allestimento con 6/128 GB.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disney+: ecco come attivare la settimana di prova gratuita

next
Articolo Successivo

Apple, ecco le app più utili per fare tutto da casa

next