“Nel libro non c’è la pretesa di dare un giudizio storico su ‘Tangentopoli’, non l’ho mai fatto in pubblico”. Lo ha detto Matteo Renzi, rispondendo a una domanda del Fatto.it durante la presentazione del suo ultimo libro “La mossa del cavallo”, a Villa Borghese a Roma. Il senatore leader di Italia Viva è tornato su alcune dichiarazioni legate proprio alla giustizia e a Tangentopoli fatte durante una diretta Facebook. In quell’occasione aveva detto che Tangentopoli era nata perché “la politica era debole e la magistratura svolgeva un ruolo in più, un ruolo di supplenza”. Durante quegli anni, ha raccontato Renzi davanti ai cronisti raccolti a Villa Borghese, “preparavo la maturità, avevo sotto braccio ‘Il Giorno‘ diretto da Paolo Liguori perché era l’unico giornale che raccontava la storia dei vinti e discutevo con i miei amici che erano tutti dalla parte di Di Pietro. Ma il mio non è un giudizio politico, che lì ci fosse un sistema malato era evidente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Liquidità, il Senato approva con la fiducia: 156 a favore e 119 contrari. È legge

next
Articolo Successivo

Ponte sullo Stretto, Renzi: “Stessa proposta di Berlusconi di 25 anni fa? Non mi interessa”. E rilancia le riforme bocciate dal referendum

next