“Nel libro non c’è la pretesa di dare un giudizio storico su ‘Tangentopoli’, non l’ho mai fatto in pubblico”. Lo ha detto Matteo Renzi, rispondendo a una domanda del Fatto.it durante la presentazione del suo ultimo libro “La mossa del cavallo”, a Villa Borghese a Roma. Il senatore leader di Italia Viva è tornato su alcune dichiarazioni legate proprio alla giustizia e a Tangentopoli fatte durante una diretta Facebook. In quell’occasione aveva detto che Tangentopoli era nata perché “la politica era debole e la magistratura svolgeva un ruolo in più, un ruolo di supplenza”. Durante quegli anni, ha raccontato Renzi davanti ai cronisti raccolti a Villa Borghese, “preparavo la maturità, avevo sotto braccio ‘Il Giorno‘ diretto da Paolo Liguori perché era l’unico giornale che raccontava la storia dei vinti e discutevo con i miei amici che erano tutti dalla parte di Di Pietro. Ma il mio non è un giudizio politico, che lì ci fosse un sistema malato era evidente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Liquidità, il Senato approva con la fiducia: 156 a favore e 119 contrari. È legge

next
Articolo Successivo

Ponte sullo Stretto, Renzi: “Stessa proposta di Berlusconi di 25 anni fa? Non mi interessa”. E rilancia le riforme bocciate dal referendum

next