Dopo il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca e il suo lanciafiamme, ora anche Al Bano è diventato il protagonista di un videogioco ironico ispirato alla gaffe fatta sui dinosauri. Ospite dell’ultima puntata di Domenica In, il cantante di Cellino San Marco aveva infatti affermato che la loro estinzione è da imputare all’uomo: un erroraccio storico (i dinosauri sono scomparsi circa 65 milioni di anni fa, mentre l’uomo esiste da “soli” 200mila anni, ndr) che aveva scatenato subito l’ironia sui social.

Così il giovane sviluppatore e youtuber, Samuele Sciacca ha realizzato anche un videogioco a tema dal titolo eloquente: Al Bano vs Dinos, disponibile su Shuttlestudio.it. Grafica semplice ed efficace, il divertente gioco vede Al Bano protagonista, raffigurato con le sembianze di un cavernicolo in stile Fred Flinstone e ovviamente il suo immancabile cappello bianco con il nastro nero, impegnato a scacciare più dinosauri possibili con la sua arma infallibile: i suoi prodigiosi acuti. Fondamentale il tempismo: se emesso quando il dinosauro è troppo lontano, risulta infatti inefficace. Il tutto con in sottofondo una versione remix di “Felicità”. Neanche a dirlo, il gioco è già diventato virale.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Georgette Polizzi: “Mia madre mi mordeva e mi spegneva le sigarette sulla pelle. Lei non era violenta, era una bestia”

next
Articolo Successivo

Sandra Milo: “Ho chiesto al premier Conte di abolire l’Iva fino al 2021”

next