Trecentocinquanta candele accese in segno di speranza. Una candela per ogni operaio dello stabilimento Whirlpool di Napoli che dal 31 ottobre rischia di trovarsi senza lavoro. L’azienda infatti è intenzionata a chiudere il sito partenopeo. Intanto venerdì 29 maggio i lavoratori, che durante il periodo dell’emergenza hanno continuato a produrre lavatrici, hanno voluto “ricordare” un anno di lotta con una veglia davanti ai cancelli della fabbrica

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Bankitalia: “Aumenta la disuguaglianza. Perdite doppie per le famiglie che già prima avevano redditi più bassi”

next
Articolo Successivo

Reddito di emergenza, la ministra Dadone: “Finora arrivate 150mila domande all’Inps”

next