Da marzo attendono ancora di essere pagati, senza aver ricevuto ancora la cassa integrazione o il fondo di integrazione salariale. Così, lavoratori di diversi settori, dal commercio alla ristorazione, passando per alberghi, mense e scuole, si sono ritrovati in piazza Santi Apostoli a Roma, per rivendicare salari e diritti: “L’ultimo stipendio? L’ho preso a marzo. Da allora più nulla”, è il grido collettivo lanciato dalla piazza romana. Una situazione dovuta sia ai ritardi nell’erogazione della cassa, che alla scelta della gran parte delle aziende di non anticipare nulla. Ma non solo, perché, come spiega la Filcams Cgil, non ha funzionato nemmeno la convenzione con Abi, lasciando così migliaia di lavoratori senza alcuna tutela. E ora il timore è anche rivolto ai prossimi mesi: “Rischiamo pure di restare senza lavoro”. Un pericolo confermato dai sindacati: “Se non si interviene, con le aziende senza appalti, il rischio è reale”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Ilo: “Un giovane su sei nel mondo ha perso il lavoro a causa della pandemia”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il punto sugli aiuti dopo tre mesi di emergenza – Cassa chiesta per 8 milioni di dipendenti: uno su 4 ancora aspetta. Autonomi, 800mila in stand by per il bonus

next