L’America sta vivendo uno dei momenti più difficili di tutta la sua storia. Il Paese non solo è martoriato dalla pandemia del Covid-19, ma è anche teatro di manifestazioni violente, in seguito alla morte di George Floyd. L’afroamericano di 46 anni è stato ucciso dalla polizia lunedì durante un controllo perché sospettato di aver assunto sostanze stupefacenti. Nei video registrati dai passanti, si è visto un agente, Derek Chauvin, con il ginocchio sul collo di Floyd per minuti interminabili. “Per favore, per favore, per favore, non riesco a respirare. Per favore”, ha implorato Floyd mentre stava morendo. Chauvin, dopo essere stato licenziato con gli altri tre agenti che hanno partecipato al fermo di Floyd, è stato arrestato e indagato per omicidio colposo. Nel frattempo a Minneapolis, dove è avvenuto il tragico evento, e in altre parti dell’America, anche davanti alla Casa Bianca sono fioccate le proteste violente.

Anche il mondo dello spettacolo si è mobilitato e ha chiesto a gran voce che sia fatta giustizia: Beyoncé, Rihanna, Madonna, Cardi B, Ariana Grande, Justin Bieber, Demi Lovato, Janelle Monáe, e dal mondo del cinema con Jamie Foxx, John Boyega i premi Oscar Lupita Nyong’o, Viola Davis e la regista Ava DuVernay, solo per citarne alcuni.

In particolare Taylor Swift in un post sui social media si è scagliata contro Trump. A scatenare la rabbia dell’artista il tweet del presidente contro le manifestazioni degenerate in violenza a Minneapolis per la morte di George Floyd. “Quando iniziano i saccheggi, inizia la sparatoria”, aveva scritto il presidente su Twitter, incitando quindi alla violenza. Non a caso lo stesso Twitter ha censurato il post. “Dopo aver alimentato il fuoco con la supremazia bianca e il razzismo per tutta la durata della tua presidenza – ha scritto Taylor Swift su Twitter, che conta oltre 86 milioni di follower – hai la faccia tosta di fingere superiorità morale prima di minacciare violenza? Ti cacceremo via a novembre‘”. Il tweet ha ottenuto 1 milione e 600mila “like”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Neymar, la mamma Nadine torna con il suo “toy Boy” Tiago Ramos: per averlo sempre vicino gli compra un appartamento

next
Articolo Successivo

Morto Bob Kulick, addio al chitarrista dei Kiss: il “quinto” membro della band è scomparso a 70 anni

next