Si è aperta la fase 2 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Lorenzo Giannotti

È passato più di un mese dalla famosa frase che Giuseppe Conte pronunciò in una delle conferenze stampa da palazzo Chigi: “Questo governo non lavora col favore delle tenebre”. I destinatari di quella affermazione lo accusavano di aver ratificato e chiesto l’aiuto del Mes nottetempo, senza interpellare il Parlamento e una serie di altre fake news (in italiano ‘vaccate’) sciorinate senza senso del pudore alcuno.

“Conte accetta il Mes, vergogna!”, si leggeva sui profili social ufficiali di Lega e Fratelli d’Italia, e via con la solita propaganda fatta dalle stesse quattro striminzite paroline ripetute in maniera martellante. Ma la verità viene sempre a galla, o perlomeno spesso, e la verità è che Conte fu il primo leader europeo a dichiarare apertamente che quello strumento non era adeguato per rispondere a una crisi di queste dimensioni, e a iniziare una battaglia per ambire a qualcosa di nuovo e più efficace.

Non ha mai cambiato idea (caso strano per un politico), anche quando all’interno della maggioranza stessa iniziava a far breccia la voglia di accedere ai 37 miliardi di prestito garantiti dal Meccanismo europeo di stabilità. Ha tirato dritto con coraggio, tenacia e anche un pizzico di testardaggine, senza cedere di un millimetro insieme ad altri capi di stato, facendo l’unica cosa che si può fare quando si discute con altri paesi: trattare, e quindi presentarsi ai tavoli, abitudine sconosciuta al nostro ex ministro dell’Interno.

Un mese e mezzo dopo, ecco la proposta della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen: 750 milardi di euro per il Recovery Fund, di cui 172,7 (81,8 a fondo perduto!), la fetta più grossa della torta, sarebbero destinati all’Italia. Ora, io non sono un grande esperto di economia, ma mi sembrano abbastanza più cospicui dei 37 miliardi del fantomatico Mes.

I negoziati non saranno finiti, fanno sapere i riottosi paesi del Nord, dediti all’austerità più forsennata fino a diventare dissennata, e la strada sarà sempre tortuosa. Ma questo primo importante segnale è una vittoria di Giuseppe Conte, che in questi anni ha saputo muoversi con disinvoltura fra i gangli della tecnocrazia europea, sventando anche due procedure d’infrazione ormai date per certe (come no) dagli esperti economici di mezzo Paese.

È la vittoria della serietà, della competenza, della compostezza, dell’impegno per costruire e non per distruggere, della politica sulla comunicazione sguaiata e consapevolmente fuorviante. E sarà anche l’unica via per la vittoria di un’Europa unita che vorrà continuare a essere tale. Non so se questo governo lavori o meno con il favore delle tenebre, ma sul fatto che lavori non nutro il minimo dubbio.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Recovery Fund, von der Leyen propone piano da 750 miliardi raccolti emettendo bond. Andranno spesi attraverso programmi europei. All’Italia la fetta più grande: 172,7 miliardi, 81,8 a fondo perduto

next
Articolo Successivo

Recovery fund, gli alleati a Bruxelles di Salvini e Meloni contro i fondi all’Italia: “Colpo di Stato, un suicidio politico”

next