Un maxi scambio che si sviluppa tra Milano, Barcellona e Manchester. Direttore delle operazioni: il potentissimo procuratore Jorge Mendes. Così le strade dell’Inter e dell’esterno Joao Cancello tornano a incrociarsi: il laterale portoghese potrebbe essere infatti il modo per sbloccare la trattativa che porterà Lautaro Martinez al Barcellona ma allo stesso tempo regalerà ad Antonio Conte un interprete perfetto per il suo 3-5-2. Come? Lo spiega il Corriere dello Sport: i blaugrana cederebbero Semedo al Manchester City in uno scambio con Cancelo, che poi verrebbe girato immediatamente all’Inter nell’affare Lautaro, con il club nerazzurro pronto a trattare il resto della contropartita in contanti, partendo dalla cifra di 90 milioni di euro.

Per mettere d’accordo i tre club ci vorrà tempo, ma come scrive sempre il Corriere dello Sport a dirigere lo scambio c’è Mendes, procuratore di entrambi gli esterni portoghesi. L’Inter non vuole svendere Lautaro, ma se che il calciatore potrebbe cedere alla corte di Messi e compagni, quindi valuta una cessione che possa essere conveniente per ridare forza al progetto Conte. La richiesta cash di Marotta parte dai 111 milioni, ma una o due contropartite funzionali al gioco nerazzurro sono ben accette: una potrebbe essere ancora Vidal, già trattato a gennaio. Poi però serve un laterale: Cancelo, che non è un’ala ma è troppo offensivo per fare il terzino, sarebbe perfetto per eseguire quello che Conte chiede ai suoi esterni. In prestito all’Inter nel primo anno di Spalletti, fece una stagione in crescendo e fu decisivo nella conquista della qualificazione alla Champions League. Quel club però non aveva ancora la potenza per trattenerlo e la Juventus ne approfittò, prelevandolo dal Valencia. Una buona stagione a Torino, poi il disastro con Guardiola. Ora, proprio dall’Inter, potrebbe ripartire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili