LG ha appena annunciato un nuovo smartphone di fascia bassa con pennino integrato: Stylo 6. Il device è già arrivato negli Stati Uniti d’America, ma non abbiamo ancora informazioni in merito al lancio nel mercato italiano, che dovrebbe comunque essere abbastanza sicuro.

Nonostante il prezzo contenuto, l’LG Stylo 6 sembra uno smartphone assai interessante, dotato di un’ottima scheda tecnica. Caratterizzato da un design curato ma non particolarmente innovativo, anche a causa delle cornici presenti attorno al display, Stylo 6 offre comunque tanto spazio di visualizzazione, grazie all’adozione di un ampio pannello LCD con diagonale da 6,8 pollici e risoluzione Full HD+ (2340 x 1200 pixel), indispensabile per poter utilizzare il pennino digitale che accompagna lo smartphone. Lo spazio di visualizzazione poi è appena interrotto dal notch a goccia in cui è integrata la fotocamera frontale da 13 Mpixel.

Posteriormente invece sono presenti tre sensori, uno principale da 13 Mpixel, uno da 5 Mpixel abbinato a un obiettivo ultra-grandangolare e un terzo come sempre dedicato al calcolo della profondità di campo. Il dispositivo è poi equipaggiato con un processore MediaTek Helio P35, accompagnato da 3 GB di RAM e da 64 GB di memoria interna espandibile tramite microSD. La batteria ha una capacità massima di 4000 mAh ed è ricaricabile grazie a una porta USB Type-C.

Gli utenti potranno utilizzare un particolare pennino per disegnare e scrivere. Chiaramente, non sono incluse tutte le funzionalità del pennino dei Galaxy Note10, ma per la fascia entry-level si tratta comunque di un unicum. Negli Stati Uniti l’LG Stylo 6 ha un prezzo di lancio di 219,99 dollari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google Meet presto consentirà di sfocare lo sfondo durante le videochiamate

next
Articolo Successivo

‘San Raffaele, abbiamo hackerato i vostri archivi’: online dati e password dei pazienti. La denuncia dei pirati su Twitter passa inosservata – Replica

next