Non esiste alcun buono da 250 euro da utilizzare all’Ikea. Sembra incredibile, ma anche chi scrive su siti d’informazione deve ogni tanto dare suggerimenti di educazione civica, e magari di logica e buon senso. Come sempre ci hanno pensato gli accorti ragazzi di bufale.net a verificare cosa ci fosse di vero (come se poi ce ne fosse bisogno) in un messaggio WhatsApp che verso le ore serali del 19 maggio 2020 ha cominciato a girare sugli smartphone degli italiani. Il messaggio conteneva un’immagine con la scritta riguardante un buono da 250 euro spendibile all’Ikea.

Ovviamente, cliccando sul link presente si finiva su una pagina terza, non autorizzata dal colosso svedese, dove si chiedeva un piccolo anticipo in denaro per ricevere lo sconto, spedendo oltretutto le credenziali della propria carta di credito. Insomma, gli sconti dell’Ikea – se e quando ci sono – li trovate sulla loro home page, mentre per quel che riguarda i farabutti che si approfittano anche in un momento di crisi economica, e relativa speranza di uscirne, per centinaia di migliaia di persone, non ci sono parole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Ferragni ha una sosia: chi è Lucrezia Melito Mangilli, la studentessa che le assomiglia in modo incredibile

next