Chef Rubio vs Vittorio Sgarbi. Lo scontro si consuma su Twitter (e dove sennò?) e l’argomento è Silvia Romano e la sua conversione. “Se mafia e terrorismo sono analoghi, e rappresentano la guerra allo Stato, e se Silvia Romano è radicalmente convertita all’Islam, va arrestata (in Italia è comunque agli arresti domiciliari) per concorso esterno in associazione terroristica. O si pente o è complice dei terroristi“, scrive in un tweet il critico d’arte. Lo chef è pronto a rispondere: “Perché non pensi a portarti in giro con donne di dubbia levatura morale invece di scrivere stron***. Silvia fu rapita da terroristi salafiti legati ad Al Qaida che non hanno nulla a che vedere con l’Islam. Capra!“. Il botta e risposta non si ferma qui: “Ma perché non vai a lavarti le scodelle e non posi il vino, aspirante cuoco di periferia?“, scrive Sgarbi. “Non bevo da cinque anni, bertuccia. E ripeto, hai detto una stron***. Torna a pensa’ alla sor** da bravo“, risponde Gabriele Rubini. E la lite continua. “A forza di leccare alla corte dei 5 stelle vedrai che ti faranno impanare una melanzana su qualche rete Rai. Dai che ce la può fare, cozzaro!“. Chef Rubio: “Non m’en**** nessun partito però con quelle chiappette glabre che te ritrovi forse due colpetti a te potrei darli. Ti svelo un segreto mio chiaro chiappette: la Rai e sionista quindi non mi chiamano e se me chiamano je do picche. Fammi sapere se ti stufi de la sor**“. La replica di Sgarbi mette fine alla bagarre: “Se vuoi posso metterci una buona parola per farti prendere in una stazione di servizio della A-14. I panini almeno li sai fare?“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trento, orso affamato va a rovistare tra i rifiuti di un ristorante. E il titolare lo scaccia così

next
Articolo Successivo

Paolo Fox, il suo Oroscopone 2020 è trend sui social: “Tra gennaio è maggio situazione bellissima”. Lui: “È solo per un segno. E non sono un mago”

next