#RestartYourEngine, riaccendete i motori, questo il claim con cui Mercedes Benz Italia da il via alla Fase 2, dopo il lockdown. Per quanto riguarda il prodotto, la casa della Stella punterà molto sui nuovi suv GLA e GLB. Una gamma, quella delle compatte, arrivata a contare 8 modelli e che nel 2019 ha venduto 40.000 esemplari in Italia e 667 mila nel mondo.

E un segmento, quello degli sport utility, che per la filiale italiana della Stella ha permesso di incrementare le vendite passando dal 5-10% del 2006 a oltre il 35% lo scorso anno. Le vetture a ruote alte di dimensioni contenute, nondimeno, sono quelle che danno più soddisfazione a livello commerciale.

Come GLA e GLB per l’appunto, apparentemente simili eppure molto diversi. A partire dalle dimensioni: GLA è lunga 4,4 metri la GLB arriva fino a 4,6 rientrando comunque nelle compatte da città. La larghezza invece è la stessa (1,83 mm) mentre per quanto riguarda l’altezza la GLB arriva fino a 1.66 mm (contro gli 1,61 della GLA). Entrambe declinabili in 5 versioni (Executive, Business, Sport, Sprt Plus e Premium).

Con la motorizzazione 180d i prezzi partono da 35.600 euro per GLA, 35.400 per GLB. Disponibili anche le versioni sportive born in Affalterbach GLB AMG 35 4Matic com cuore 4 cilindri 2 litri da 306 Cv abbinati ad un cambio 7G Speedshift a partire da 58.200 euro e la GLA 45 4Matic +, disponibile anche nella variante S con motore da due litri (il quattro cilindri turbo più potente mai costruito in serie disponibile in due livelli di potenza 387 e 421 Cv). La nuova generazione di GLA infine, oltre a garantire più spazio a bordo rispetto al passato, rafforza la sicurezza proponendo anche le funzioni: assistenza di svolta, corridoio di emergenza ed il sistema di prevenzione agli urti laterali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caterham Super Seven 1600, il vintage che conquista. Ecco la roadster leggera e sportiva – FOTO

next