Tomaso Trussardi interviene nella questione Striscia-Botteri spiegando su Instagram come la moglie, Michelle Hunziker, sia vittima di insulti e minacce. “L’entità delle minacce (molte di morte) che ci sono state rivolte ed il bullismo anche femminile è stato esponenzialmente superiore a ciò di cui è stata accusata ingiustamente mia moglie”. Le parole di Trussardi hanno come quadro quanto accaduto dopo il servizio mandato in onda da Striscia la Notizia per raccontare le offese subite dalla corrispondente del Tg1, Giovanna Botteri. Il video di Striscia ha dato vita a numerose polemiche e reazioni, tra le quali quelle di sindacati e associazioni di categoria che, in data primo maggio, hanno pubblicato una lettera di solidarietà alla Botteri. La stessa giornalista, sempre il primo maggio, ha scritto una lettera di risposta. Ilfattoquotidiano.it, in data 2 maggio, ha fatto notare come il Tg satirico di Antonio Ricci abbia di fatto ‘rilanciato’ meme e offese della rete. Sui social in molti hanno evidenziato il fatto che che la conduttrice avrebbe potuto evitare lo speakeraggio del servizio, in quanto fondatrice dell’associazione Doppia difesa con l’avvocato Bongiorno.

Ma le critiche a una testata sono una cosa, gli insulti e le minacce a una conduttrice un’altra. La denuncia di Trussardi fa riferimento a parole pesanti e ingiustificabili contro Michelle Hunziker. Chi crede di fare un buon servizio alla difesa della professionalità e della dignità delle donne prendendo le difese di Giovanna Botteri e insultando gratuitamente Michelle Hunziker usa un modus operandi che è peggiore rispetto al “body shaming” che vorrebbe denunciare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vespa killer arrivata anche in Italia: il pericoloso insetto di grosse dimensioni avvistato in diverse regioni. Ha ucciso una cinquantina di persone in Cina e Giappone

next
Articolo Successivo

Eros Ramazzotti e Marica Pellegrinelli sono tornati insieme? “Sono molto felici in questo momento ma…”

next