Arrivano i primi provvedimenti concreti nei confronti di alcuni canali Telegram, divenuti famosi in questi giorni di reclusione forzata a casa per aver messo in circolazione in maniera illegale libri, riviste e giornali. Nelle scorse ore infatti la Procura della Repubblica di Bari ha disposto il sequestro preventivo d’urgenza di 17 canali Telegram.

Il provvedimento segue i primi risultati delle indagini, avviate in conseguenza dell’iniziale segnalazione effettuata dalla FIEG (Federazione Italiana Editori Giornali) e della pronuncia in merito da parte dell’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) che, sebbene abbia poteri limitati in materia, aveva già disposto la chiusura di 7 degli 8 canali segnalati.

Il provvedimento è il primo di questo tipo in Italia ed è quindi destinato a fare storia. Ora le indagini procedono, non solo per verificare la presenza di eventuali altri canali su Telegram, ma anche per rintracciare i responsabili, nei cui confronti ci sono accuse piuttosto pesanti. In questo caso infatti non si tratta semplicemente di aver diffuso materiale protetto da diritto d’autore, anche se non a fini di lucro.

I responsabili infatti, stando alle ricostruzioni della Procura, avrebbero anche violato i sistemi informatici di diverse società editrici, al fine di procurarsi le copie di libri e giornali resi poi disponibili su Telegram. Per questo dunque, oltre alla violazione delle leggi sul diritto d’autore, si configurerebbero anche i reati di riciclaggio, ricettazione, accesso abusivo a si sistemi informatici e furto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

DJI Mavic Air 2, ufficiale il nuovo drone compatto con fotocamera 4K a 60 FPS e maggior autonomia

next
Articolo Successivo

Google Pixel Buds 2, disponibili i nuovi auricolari true wireless per competere con Apple

next