Paura, speranza, consapevolezza. Così gli italiani all’estero che hanno raccontato le loro storie a ilfattoquotidiano.it vivono i giorni dell’emergenza legata al Covid-19. Dall’Australia, dove “strade e parchi sono ancora piene di gente” al Giappone, “dove tutto sembra normale”; passando per il “ritardo di due settimane nell’attivazione delle misure” del governo di Londra, a Spagna e Stati Uniti “totalmente impreparati”. Fino alla Scozia, che ha “sottovalutato il problema”. Ecco le loro voci.

C’è chi già a inizio febbraio, come Andrea Pedicini, broker immobiliare a New York, sulla scorta di quanto stava accadendo in Italia, ha deciso di rimanere a casa con moglie e figli, evitando contatti. “Ho cercato di spiegare ad amici e colleghi americani la gravità della situazione – racconta Andrea –. Gli Stati Uniti hanno fatto fatica a prendere atto dell’emergenza, anche a causa della ritrosia del governo federale di effettuare i test per diverse settimane. Purtroppo non c’è ancora piena consapevolezza della serietà del virus, sia da un punto di vista sanitario che sociale – continua –. Nel weekend del 22 marzo i parchi principali della città erano ancora pieni di gente”. È invece rimasto in Australia Luca Masetti, ricercatore a Melbourne, che però ricorda che “molte persone sono state costrette a tornare a casa” perché sono stati resi “disponibili fondi per cittadini e residenti permanenti, ma non per i temporary-residents, che sono una fetta molto importante della popolazione. Sono fortunato – dice – perché continuo a ricevere la mia borsa di studio dall’università, ma molti qui, inclusi i miei coinquilini, sono stati licenziati e non hanno soldi per pagare le spese o l’affitto”.

Se in Giappone per ora “tutto sembra normale”, spiega Giuseppe Bonfitto, c’è chi come Federico Rota, informatico, è atterrato a Madrid a inizio marzo e “sembrava di essere arrivati nel paese delle meraviglie – ricorda –. I primi interventi sono stati presi decisamente in ritardo, quando mi ero già blindato in casa per conto mio”. Stesso discorso per Luca Longo, ingegnere a Madrid. “Viviamo chiusi in casa, usciamo solo per fare la spesa – racconta –. In tanti non se la passano bene: molti amici sono stati sospesi dal lavoro fino a giugno, mentre altri sono passati al remote working con monte ore (e salario) dimezzato. La Spagna ha reagito malissimo – aggiunge –, credo sia ad oggi il peggiore tra i Paesi europei. A fine febbraio gli spagnoli non sapevano che esistesse l’emergenza, erano totalmente fuori dal mondo. Fino a metà marzo tutto era normale: partite di calcio, eventi, concerti, le strade piene di persone. Poi è venuto giù il caos. Non erano preparati”.

Anche in Scozia “all’inizio è sembrato che non si prendesse seriamente il problema – racconta Maria Lisa Di Lanzo, professoressa a Glasgow –. In Italia avevo amici in quarantena, ma qui tutto era normale e io continuavo ad andare a lavoro. La situazione è poi cambiata completamente e nel giro di qualche giorno il governo ha proclamato il lockdown. Non credevo, ma c’è tanta solidarietà – aggiunge –. Mio marito è un dipendente del NHS, il servizio sanitario nazionale. Ieri erano tutti alle finestre ad applaudirli. La Scozia è diventato un Paese più emotivo, perché tutti in un modo o nell’altro, sono o sono stati colpiti”.

C’è chi, infine, è stato costretto a rimanere in Italia. “A inizio marzo ero impegnato come primo violino con l’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e in procinto di fare rientro a Londraricorda Fabrizio Falasca –. Sono stato contattato dalla direzione della Philharmonic Orchestra, ritenendo opportuno che io restassi nel mio Paese”. Dalle informazioni che Fabrizio riceve quotidianamente da colleghi e amici da Londra emergono “forti preoccupazioni per la lentezza e superficialità del governo nell’assumere misure adeguate a contrastare l’epidemia”.

Il futuro, per ora, è solo messo da parte. Maria Lisa non vede l’ora di tornare in Italia, per riabbracciare la sua famiglia. Fabrizio si è visto cancellare concerti, spettacoli e tournée in tutto il mondo. Andrea vede invece a New York “grosse opportunità da qui ai prossimi mesi”. Per Luca “ci sarà la più grande crisi economica del dopoguerra, che inciderà sulle nostre abitudini e il modo di stare insieme”. Federico, infine, pensa che poco o nulla cambierà: “Per ora continuo a lavorare, anche se è doveroso essere consapevoli che le aziende non possono pagare all’infinito persone che rendono la metà. Il mio pensiero – conclude – va a chi è in proprio, ai professionisti, agli esercenti, ai tanti italiani che lavorano nella ristorazione: per quanto potranno andare avanti loro?”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, lo studente Erasmus rientrato a Valencia da Milano: “Sono in isolamento. Qui chi torna dall’Italia è discriminato”

next