/ di

Raffaele Nappi

Articoli di Raffaele Nappi

Società - 9 dicembre 2018

“Ufficio e città non facevano per me. Con la mia azienda agricola vivo all’aria aperta e sono felice”

Quando Miriam Motter ha deciso di tornare alla terra in tanti hanno cercato di dissuaderla: “Parenti, zii, amici volevano farmi cambiare idea. Dicevano non era un lavoro da donna”. Lei, trentina 23enne di Tenna, dopo la laurea in Scienze della Comunicazione allo Iusve di Verona è tornata a casa e ha preso in mano l’azienda di suo […]
Cervelli in fuga - 8 dicembre 2018

“In Islanda a 25 anni posso insegnare all’università. In Italia stipendi bassi e tanta invidia sociale”

Roberto Pagani ha lasciato l’Italia il 23 agosto 2014, aveva in mano una laurea in lingue nordiche e in inglese, con un anno di Erasmus a Edimburgo. “Sono andato via quando ho capito che la burocrazia mi avrebbe sempre tarpato le ali – racconta –. Non conosco molti altri Paesi in cui avrei potuto insegnare […]
Cervelli in fuga - 7 dicembre 2018

“Berlino lontana dall’individualismo italiano. E qui fare arte è un lavoro, non un hobby per ricchi”

La storia di Giulio e Chiara sta tutta in questa frase. “Abbiamo deciso di provare a fare un’esperienza all’estero: qualunque posto sarebbe stato meglio dell’Italia”. Lui si occupa di scultura, pittura e installazioni artistiche. Lei, dopo aver concluso un master sulla curatela alla Luiss di Roma, ha ricevuto proposte da numerose gallerie e centri culturali. […]
Società - 28 novembre 2018

Calcio, una squadra di 20 persone “speciali”: “Giocare è trovare il riscatto ai no della vita”

“Caro Claudio Marchisio ora che sei libero puoi unirti a noi!”. Quando l’ex campione della Juventus ha deciso di lasciare la sua squadra si è ritrovato a fare i conti con un appello un po’ ardito, che racconta in pieno lo spirito di questo gruppo: si chiamano Pavia Special Team, giocano insieme da più di […]
Cervelli in fuga - 25 novembre 2018

“A Dubai ho aperto la mia agenzia. Tornare in Italia? Tasse e burocrazia mi fanno passare la voglia”

Quando aveva 25 anni Eleonora ha lasciato Milano, direzione Scozia. “Sì, avevo un lavoro stabile che mi garantiva un buon stipendio – racconta –. Ma avevo deciso di fare un’esperienza all’estero, imparare l’inglese e specializzarmi in corsi nel settore vino”. Passati due anni a Edimburgo, un giorno, dopo aver ricevuto l’offerta di un ristorante emiratino, Eleonora Caso, […]
Cervelli in fuga - 18 novembre 2018

“In Kuwait gestisco un marchio di pizzerie napoletane. L’Italia non si accontenti di un sistema marcio”

Quando aveva 18 anni Felice riuscì a iscriversi all’Università Federico II di Napoli, facoltà di Scienze politiche. “La mia era una famiglia di operai e io volevo essere economicamente indipendente. Durante l’estate, dopo la maturità, iniziai a lavorare in un ristorante riuscendo a mettere da parte soldi per l’iscrizione e per i primi libri”. Non […]
Società - 17 novembre 2018

“Nella nostra pasticceria lavora Stefano, ragazzo Down. Per noi è insostituibile. Un’azienda che si rispetti deve includere”

La prima volta che Stefano è entrato in pasticceria il proprietario, Davide, era un po’ preoccupato. Era il luglio del 2016 e “non avevamo mai collaborato con un ragazzo con sindrome di Down, non sapevo come avrebbe reagito lo staff”. Sono bastati due anni per capovolgere il mondo. E quando è scaduto il periodo di […]
Cervelli in fuga - 11 novembre 2018

Violinista a Londra. “Qui possibilità date a tutti senza preconcetti. In Italia sembra che l’arte sia inutile”

La critica lo ha definito più volte “uno dei violinisti italiani più rappresentativi della sua generazione”. È stato premiato al concorso biennale di Vittorio Veneto nel 2010 e al XX Concorso Internazionale violinistico Postacchini di Fermo. Suona con un prezioso strumento Joseph Guarneri del 1727 appartenuto al violinista Cesare Barison, per gentile concessione della famiglia. […]
Società - 5 novembre 2018

“Ho vinto tre medaglie d’oro agli Europei di nuoto. Ma la sfida più grande in Italia è uscire di casa”

“Quando sono salito sul podio con al collo la mia medaglia d’oro mi sono sentito libero. Ho cantato l’inno di Mameli a squarciagola. Poi ho pensato che in Italia, per un disabile in carrozzina come me è una sfida anche solo uscire di casa”. Vincenzo Boni ha 30 anni, è affetto dalla sindrome di Charcot […]
Società - 27 ottobre 2018

“Sono arrivato in Italia da irregolare su un barcone e qui mi sono laureato in legge. Ora con una app aiuto i migranti come me”

“Amo l’Italia, mi piace vivere qui. In Italia ho vissuto la maggior parte della mia vita: qui ho studiato, qui ho i miei amici. In Albania ci torno, certo, ma come turista”. Ermir Lushnjari è arrivato in Italia su una nave nel marzo del 1999, quando aveva 15 anni. “L’Albania era nel caos dopo il […]
Perché non sono gay? Perché questa colossale ingiustizia?
Sanità pubblica, presto in Italia potremmo non averla più

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×