Martedì il Viminale ha emanato una nuova circolare ai prefetti con alcune precisazioni sui divieti di assembramento e spostamenti. La stessa prevedeva anche alcune specifiche sui bambini e prevede “la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute”.

Di fatto nulla di nuovo, i motivi devono comunque essere comprovati da un bisogno, anche perché sull’attività ricreativa e all’aperto la circolare ha ribadito che “non è consentito in ogni caso svolgere attività ludica e ricreativa all’aperto e che continua ad essere vietato l’accesso ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici”.

La circolare è stata mal interpretata perché la comunicazione è stata sbagliata ma non solo, perché chi non aspettava altro che un “via libera” per uscire si è aggrappato a un messaggio travisandolo e senza leggere le righe successive. Il problema è proprio questo e quindi andava usata più precauzione.

Fatto sta che quella presentata resta una circolare evitabile e fraintendibile. E così è stato. Era evitabile perché, guarda caso, è arrivata proprio nel momento in cui infuriava la polemica sulle uscite dei bambini e quando una ministra, delle Pari opportunità, ne chiedeva l’ora d’aria. E quindi risulta quantomeno inopportuna.

Il punto è che ad alcuni genitori è sfuggita la seconda postilla, e in molto hanno accolto le prime tre righe come la presa della Bastiglia: evviva, finalmente i nostri figli sono liberi!

Ma liberi da cosa? Dal tutelarsi? Dal proteggersi? La serenità dei bambini in quarantena passa per gli adulti.

Insomma, finiamola davvero con questa retorica che i bambini sono i veri invisibili delle misure previste dal decreto. Sono nel decreto dal momento in cui ci viene detto a noi genitori di tenerli in casa per tutelarli e tutelarci.

Ci sono bambini invisibili ma non sono i nostri che vivono sì chiusi in casa ma circondati da stimoli e con un bagaglio emotivo che, se ben costruito, proprio oggi dovrebbe tutelarli più che mai.

I veri bambini invisibili sono altri, sono quelli che vivono la violenza e che ne restano intrappolati dentro le mura, sono i disabili o le persone autistiche che soffrono davvero di restrizioni che coinvolgono tutto il nucleo familiare, sono i figli dei medici che non vedono e non vedranno per mesi i loro genitori in quarantena volontaria per non infettarli. Per loro, soli e stremati, è stata anche lanciata una petizione.

L’errore di quella comunicazione è stato nel non averla saputa dare (eh sì, forse anche titolare da parte di molti media). E gli effetti psicologici sono stati e saranno così tanti che gli scienziati nonché i medici di base sono dovuti intervenire per raddrizzare la schiena del Viminale oltre che quella di molti genitori (stanchi loro stessi, forse, di stare casa con i bambini piuttosto che il contrario) affermando che “dopo i primi segnali di miglioramento della situazione del coronavirus: mollare così all’inizio può esser un pericolo”.

Già, i medici, ovvero i grandi abbandonati di questa vicenda. Loro, che per non contagiare i propri figli sono andati via di casa, sanno già che per fare uscire quelli degli altri probabilmente vedranno allungarsi i tempi per poterli riabbracciare.

Allora per favore, diamoci una regolata quando parliamo di bambini invisibili. Per alcuni un po’ di reclusione sarà solo una parentesi, per altri no.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono mamma di due bambini con patologie neupsichiatriche. E riprendere le terapie per loro è un bisogno assoluto

next
Articolo Successivo

Coronavirus e autismo, i medici: “Bambini più esposti al contagio per i loro comportamenti, ma hanno bisogno di essere impegnati”. Le uscite? “Necessarie, pur con margine di rischio”

next