Oltre all’Honor 30S, smartphone di fascia media presentato ieri, l’azienda cinese ha svelato anche Play 9A, un nuovo dispositivo di fascia bassa. Si tratta del successore del Play 8A, rispetto al quale presenta alcune migliorie significative, sia dal punto di vista tecnico che estetico. Purtroppo però, data la fascia di prezzo, i compromessi sono inevitabili. Così ad esempio, pur avendo inserito un lettore di impronte digitali, l’azienda cinese ha deciso di optare ancora una volta per l’ormai datata porta micro-USB al posto della più comoda e attuale porta USB Type-C.

Nonostante si tratti di uno smartphone economico, il design sembra comunque sufficientemente curato e gradevole, anche se la scocca sarà sicuramente in policarbonato e le cornici, soprattutto per quanto riguarda il bordo inferiore, non esattamente sottili. Lo spazio di visualizzazione comunque non è certo poco. Lo smartphone utilizza infatti un display con diagonale di 6,3 pollici e risoluzione HD+ (1600 x 720 pixel), appena interrotto da un poco invadente notch a goccia, posto nella parte centrale della cornice superiore.

Sotto la scocca invece c’è un processore MediaTek Helio P35, molto comune nella fascia di riferimento. Ad affiancarlo ci sono poi 4 GB di RAM e 64 o 128 GB di memoria interna (espandibile fino a 512 GB tramite microSD), a seconda dell’allestimento. Una delle caratteristiche più interessanti dell’Honor Play 9A è comunque sicuramente la batteria da 5000 mAh, che dovrebbe garantire diverse ore di autonomia, viste anche le altre specifiche tecniche dello smartphone.

Per quanto riguarda il comparto fotografico, infine, nella parte posteriore, oltre al flash LED, troveranno posto due sensori fotografici, quello principale da 13 Mpixel e uno secondario da 2 Mpixel per raccogliere i dati sulla profondità di campo. La selfie camera frontale integrata nel notch invece è da 8 Mpixel.

Honor Play 9A, nei colori Black, Blue e Jasper Green, esordirà inizialmente in Cina nelle prossime settimane a un costo pari a circa 116 euro. Honor al momento non ha fornito informazioni in merito alla distribuzione sul mercato europeo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

AKG N400, arrivano in Italia gli auricolari in-ear alternativi ai Galaxy Buds+

next