Impossibile girare con la mascherina o perfino menzionare la parola “coronavirus”, pena l’arresto: in Turkmenistan – denuncia il gruppo Reporter Sans Frontières, la pandemia globale è sparita dai mezzi d’informazione (rigidamente controllati dallo Stato) e perfino dalla comunicazioni del ministero della Sanità.

Ufficialmente, il Turkmenistan è uno dei pochi stati a non aver mai dichiarato alcun caso di contagio. Secondo gli speaker di Radio Free Europe nella capitale Aşgabat alcuni gruppi di persone sorprese a parlare della pandemia sono stati dispersi dalle forze dell’ordine. Negli opuscoli informativi distribuiti in scuole e ospedali la parola “Covid-19” è stata sostituita da un generico “infezione”: lo aveva denunciato il sito Turkmenistan Chronicle, una delle poche fonti indipendenti di informazione, il cui sito è stato bloccato nel Paese. Inoltre, chi indossa mascherine protettive può essere arrestato da poliziotti in incognito. Con queste mosse radicali, sottolinea Rsf, il governo sta mettendo tutti i suoi cittadini, oltre che a imbavagliare la stampa.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Cina, rischio nuova ondata di contagi: 600mila in isolamento. Germania proroga le misure fino al 19 aprile. Oms: “Crescita dei casi quasi esponenziale”

next