Impossibile girare con la mascherina o perfino menzionare la parola “coronavirus”, pena l’arresto: in Turkmenistan – denuncia il gruppo Reporter Sans Frontières, la pandemia globale è sparita dai mezzi d’informazione (rigidamente controllati dallo Stato) e perfino dalla comunicazioni del ministero della Sanità.

Ufficialmente, il Turkmenistan è uno dei pochi stati a non aver mai dichiarato alcun caso di contagio. Secondo gli speaker di Radio Free Europe nella capitale Aşgabat alcuni gruppi di persone sorprese a parlare della pandemia sono stati dispersi dalle forze dell’ordine. Negli opuscoli informativi distribuiti in scuole e ospedali la parola “Covid-19” è stata sostituita da un generico “infezione”: lo aveva denunciato il sito Turkmenistan Chronicle, una delle poche fonti indipendenti di informazione, il cui sito è stato bloccato nel Paese. Inoltre, chi indossa mascherine protettive può essere arrestato da poliziotti in incognito. Con queste mosse radicali, sottolinea Rsf, il governo sta mettendo tutti i suoi cittadini, oltre che a imbavagliare la stampa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Cina, rischio nuova ondata di contagi: 600mila in isolamento. Germania proroga le misure fino al 19 aprile. Oms: “Crescita dei casi quasi esponenziale”

next