Imagination. E poi parte una musica lievissima. Imagination. I imagine all my friends coming close to me. E già queste parole potrebbero bastare, in giorni come questi dove ci mancano tutti, ma proprio tutti, figuriamoci gli amici.

Imagination e aggiungeteci una musica, e poi un cartoon delicato come solo Small Potatoes può essere e avrete avuto in regalo un momento di poesia che fa la differenza. E’ successo a me, in maniera involontaria e inattesa. A me che, partita alla ricerca dell’ultima, drammatica notizia, mi sono invece imbattuta nella più piacevole delle sorprese: quell’attimo magico che è l’avvio di un cartone animato, la sua attesa davanti allo schermo scuro e poi la sigla che per noi degli anni Settanta era caratterizzata da caratteri orientali. Un tuffo nel passato che mi ha riportato indietro, lontano da questo tempo fermo, con leggerezza e soavità.

Small Potatoes, si chiama così una delle due neoproduzioni cartoon che su RaiPlay son pubblicate in anteprima esclusiva. E ci parla del mondo di fuori e di come raggiungerlo con l’immaginazione. Mai un aiuto più utile in queste ore di attesa in balcone o in finestra.

La seconda, innovativa e inclusiva, racconta di Lampadino e Caramella, due fratellini speciali impegnati nientedimeno che a riportare l’armonia nel MagiRegno. Ma la meraviglia è che si tratta del primo Cartoon “Able”, ossia il primo cartone animato per tutti i bambini, diversamente abili e non. Un progetto nato grazie a una campagna di crowdfunding sulla piattaforma With You We Do.

Ecco, può succedere anche questo nei pomeriggi troppo azzurri e lunghi. Che in un attimo si passa dalla peggiore delle notizie, quel dato oscuro e cupo su chi oggi ci ha lasciato, a una sospensione inattesa dalle angosce. Succede che grazie a un cartone inclusivo capisci di più la vicinanza a medici, infermieri, anestesisti, rianimatori che indistintamente stanno aiutando tutti, tutti (perché tutti abbiamo gli stessi diritti) rischiando addirittura di rimetterci loro stessi.

Se potete guardatele, queste due creazioni nuove e delicate, e se vorrete, fatele vedere ai loro figli, ai loro amichetti. Perché c’è bisogno di una pausa di riflessione e di recuperare un tempo che era quello del pensiero dolce. Evviva quindi la creatività, evviva l’innovazione. Perché se sono anche solo in grado di restituire, attraverso la fantasia ecumenica e senza limiti, l’evasione profonda e corretta (ma davvero, non politicamente corretta), allora significa che ciò che c’è in circolo va alimentato, potenziato e raffinato. Significa investire su un popolo che domani sarà quello che vota.

Partiamo dai più piccoli, partiamo da loro. Ma con la consapevolezza che c’è una medicina necessaria a tutti per sollevarci e volare alto: Imagination, appunto.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, alle 18 la preghiera di Papa Francesco con la benedizione “urbi et orbi” e l’indulgenza plenaria: ecco cos’è e come seguirla

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Salvini a Formigli: “Perché non sono venuto da voi per tre anni? La sua trasmissione non è campionessa di obiettività e imparzialità”

next