Laura Pausini si lascia andare a un lungo sfogo sui social: la cantante non ne può più di vedere immagini di gente che continua a girovagare per le città e a fregarsene delle disposizioni del decreto che hanno come obiettivo il contenimento della pandemia di Covid-19.

Così Laura ha scritto un commento secco e durissimo: “Io sono veramente inca**ata nera. Cerco di calmarmi ma la notte, quando mia figlia dorme e posso leggere e aggiornarmi sulla giornata appena passata, non posso credere ai miei occhi. C’è gente che va ancora in giro! La fermano in tv per chiedere come mai non sono a casa e se la prendono pure! Non posso giustificare questa cosa. Per andare a correre? Per prendere una boccata d’aria? Ma apri la finestra e non rompere il ca**o. E se devi far ginnastica anche se hai la casa piccola ormai ci sono mille modi per tenerti in forma! Non è giustificabile questo comportamento: come facevano quando non c’era la tv, il cellulare, il computer? Fuori c’era la guerra… ma anche questa lo è”. E quando uno dei suoi tantissimi fan le dice: “Riesci sempre a sensibilizzare” la sua risposta è molto esplicita: “Tra un po’ mando delle madonne che non puoi capire“.

Poi Laura, sulla pagina Instagram di TrashItaliano, spiega: “Chiaramente non è riferito alla quarantena che ESIGO venga rispettata ma è riferito a chi non rispetta il prossimo e continua ad andare fuori… a farsi la corsetta, o a chi esce in gruppo a fare la spesa, a chi inventa la qualunque per uscire di casa quando ormai è palese che dobbiamo restare in casa. Le persone che si comportano così mi fanno veramente incazzare. E la mia frase era ovviamente una provocazione. Bisogna stare in casa, non ci sono scuse” .

Visualizza questo post su Instagram

Mood

Un post condiviso da Trash Italiano (@trash_italiano) in data:

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fedez: “Lunedì pronto il nuovo reparto di terapia intensiva. Fino a una settimana fa questo era un campo sportivo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Alberto di Monaco: “Ho fatto il test in forma anonima, non volevo che mi mettessero in cima alla pila. Spero di non aver contagiato i miei figli”

next