Binari affollati come in un qualsiasi lunedì mattina, vagoni della metro pieni, aree verdi prese d’assalto da un esercito di runner e persone a passeggio. Nonostante l’obbligo di restare a casa imposto dal decreto del presidente Conte, per limitare i contagi da coronavirus, le foto scattate a Milano mostrano ancora moltissime persone fuori dalle mura di casa. Troppe, secondo il governatore Attilio Fontana, che in un punto con la stampa in diretta streaming annuncia la possibilità di una nuova stretta: “Per adesso ve lo chiediamo, ma, se si dovesse andare avanti così, domanderemo al governo provvedimenti più rigorosi“. Il resto d’Italia non fa eccezione: approfittando dell’unica “area grigia” del decreto, cioé il permesso di portare fuori il cane e di fare attività sportiva all’aperto, parchi, piste ciclabili e lungomare spesso sono più affollati di prima. Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, valuta se tagliare la testa al toro ed eliminare anche questa possibilità: “Abbiamo lasciato questa opportunità perché ce lo consigliava anche la comunità scientifica – dice ai microfoni del Tg1 – Ma se l’appello di restare a casa non sarà ascoltato saremo costretti anche a porre un divieto assoluto di attività all’aperto”.

L’appello, quindi, è alla responsabilità individuale dei cittadini: o le persone rispettano le regole, oppure ci sarà una nuova stretta. Lo ha ribadito l’assessore al Welfare Giulio Gallera: “Domenica o la curva scende o probabilmente bisognerà valutare l’assunzione di misure un po’ più rigide – ha detto intervistato da 7 Gold – Io spero che i sacrifici di molti e l’atteggiamento consapevole dei lombardi possa essere sufficiente”. Poi, commentando le immagini della metro affollata, suggerisce ingressi contingentati: “Il Comune di Milano o l’Atm dovrebbero fare in modo che entrino un numero di persone in grado di stare distanziate”. Dalle informazioni fornite dai provider telefonici – in base alle persone che si sganciano e si riagganciano dalle celle telefoniche – è emerso che “il 40% delle persone ancora si muove. Sicuramente una fetta lo fa per lavoro – sottolinea Gallera – ma probabilmente molti altri lo fanno perché forse non c’è stata la massima comprensione di ciò che stiamo vivendo”.

I dati diffusi Viminale confermano ancora molti, troppi strappi alla regola: in una settimana sono state controllate un milione di persone, di cui 43mila sono state denunciate. Una parte ha mentito sull’autocertificazione, ma la stragrande maggioranza è stata denunciata perché in strada senza una valida motivazione: chi rientra da una cena tra amici, chi aveva fatto la spesa quattro ore prima, chi aveva organizzato una partita di calcetto, e chi, candidamente, ammette che è uscito perché non riusciva più a stare in casa. Gli sportivi – veri o improvvisati – e gli irriducibili della passeggiata si appellano al vademecum del Viminale, che consente di uscire a praticare attività fisica – con il risultato che le piste ciclabili e i parchi sono più affollati di prima. Oggi il Tar Campania ha respinto il ricorso presentato contro l’ordinanza del presidente della Regione Vincenzo De Luca, che vietava di passeggiare e fare jogging. La motivazione, si legge, è che “il rischio di contagio è ormai gravissimo sull’intero territorio regionale” e i numeri sono in forte crescita, perciò va data “prevalenza alle misure approntate per la tutela della salute pubblica”.

Da Nord a Sud, i sindaci corrono ai ripari: a Roma e Milano chiusi i parchi cittadini, a Firenze le fontanelle di approvvigionamento e gli orti sociali. Niente wi-fi comunale a Bergamo per ordine del sindaco, in modo da evitare i capannelli di persone nelle piazze. A Bari il sindaco Antonio Decaro impedisce l’accesso ai giardini e rimprovera i cittadini dai social: “Forse non ci siamo capiti, questa è un’emergenza, non una vacanza. Tutti a casa”. Per evitare le infinite (e affollate) passeggiate dei cittadini, a Catanzaro chiude il lungomare, mentre a Verona, per ordinanza del sindaco, sono interdette tutte le aree verdi comunali e i bastioni. L’ordinanza firmata da Sboarina prevede il divieto di circolare a piedi o in bicicletta, “ad eccezione dei motivi per necessità espressamente previsti dal Dcpm”. Vietato sedersi sulle panchine pubbliche, e i cani possono essere accompagnati dai loro padroni nelle aeree dedicate uno alla volta, per un tempo massimo di cinque minuti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Capua: “Morti in Lombardia? Vanno valutati altri fattori, come impianti di aerazione ospedali. Vaccino? Spero non serva”

next