Il coronavirus fa una vittima eccellente: è morto a 92 anni Vittorio Gregotti, il decano degli architetti italiani, urbanista di fama internazionale. A darne notizia è il Corriere.it. Tra le altre cose Gregotti ha progettato gli stadi di Barcellona e Genova e anche il controverso quartiere Zen di Palermo, per il cui fallimento in fase di realizzazione l’architetto ha dato la responsabilità alle infiltrazioni mafiose negli appalti. Porta la sua firma anche il Teatro degli Arcimboldi, a Milano. Uno degli ultimi progetti a cui ha lavorato è stata la ristrutturazione da ex fabbrica del gruppo Ilva a Teatro Fonderia Leopolda, a Follonica, in provincia di Grosseto.

Tra gli altri lavori di Gregotti l’ampliamento del museo d’arte moderna e contemporanea dell’Accademia Carrara a Bergamo, il ponte sul Savio a Cesena, l’acquario municipale Cestoni di Livorno e ancora, più di recente, la progettazione del quartiere residenziale di Pujiang, a Shanghai, il nuovo edificio universitario alla Bicocca, a Milano, e la facoltà di Medicina della Federico II a Napoli. La Triennale di Milano gli ha conferito la medaglia d’oro alla carriera nel 2012.

Appassionato di tutta la cultura (dalla musica sinfonica e lirica alla letteratura, dalla filosofia all’arte figurativa), era diventato un appassionato milanese d’adozione, lui che era nato nel 1927 poco distante, a Novara. Alla fine dell’Expo, per esempio, fu tra chi si raccomandò che l’area dismessa dall’Esposizione fosse subito messa a nuova vita e non lasciata abbandonata. “Per vivere, l’area deve diventare un pezzo di città. Milano sfrutti la grande sfida della Città metropolitana”.

Nell’ultima intervista al Corriere della Sera aveva detto: “Il potere finanziario, che è l’unico che permette di fare grandi cose in architettura, è globale e vuole progetti globali, che vadano bene in ogni parte del mondo, mentre all’architetto ormai si chiede solo di meravigliare, di creare un’immagine la più possibile originale, allontanandoci dalla nostra storia, dalle nostre radici. Ai giovani vorrei insegnare a non essere così, a non avere con i fondamenti dell’architettura un rapporto istintivo, a studiare, a utilizzare bene tutti gli strumenti che oggi hanno a disposizione”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Coronavirus è entrato a gamba tesa anche nell’editoria: una grandissima mazzata

next
Articolo Successivo

Bill Withers morto, addio alla voce di Ain’t No Sunshine e Lean on Me. Aveva 81 anni

next