La sua Ain’t No Sunshine è un capolavoro. Lean on Me, un altro grande successo. Ha composto un’altra hit del calibro di Just the two of us. Canzoni che hanno fatto la storia, quelle di Bill Withers, morto a 81 anni a Los Angeles in seguito a complicanze cardiache.

Il cantante afroamericano, tre volte vincitore del Grammy Award, ha prodotto in tutto 7 album e buona parte della sua carriera è legata agli Anni Settanta, ma i suoi brani e i suoi album hanno influenzato generazioni di cantanti del genere soul, pop e R&B.

La notizia della sua morte, avvenuta lunedì, arriva in un momento in cui il pubblico ha tratto ispirazione dalla sua musica, durante la pandemia da coronavirus, con operatori sanitari, cori, artisti che pubblicano le loro interpretazioni di Lean on Me per aiutare a superare i momenti difficili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, morto l’architetto Vittorio Gregotti. Addio al grande urbanista che progettò lo stadio di Barcellona e il quartiere Zen di Palermo

next
Articolo Successivo

Stefano Bollani reinterpreta il cult ‘Jesus Christ Superstar’: “Mi innamorai del film, musica fresca su impianto operistico”

next