Sono gli anni Settanta e i calciatori di Serie A indossano scarpini rigorosamente neri, che al massimo hanno un inserto bianco a mo’ di logo. In tv o dalle tribune diventa difficile cogliere le differenze tra i diversi marchi. Sembrano tutti uguali. Per un censimento ci vengono però in soccorso le pubblicità che i giocatori in quegli anni fanno sempre più spesso, soprattutto sulle pagine dei giornali sportivi. Con sponsorizzazioni che non hanno niente a che fare con i contratti odierni. Fabio Capello, Roberto Bettega e Francesco Morini li si poteva vedere con le mitiche Pantofola d’oro. Il primo a battezzare in questa maniera la calzatura, nata da un’idea dell’ascolano Emidio Lazzarini, fu John Charles. Poi negli anni ’80 la indosseranno tra gli altri anche anche i romanisti Cerezo, Pruzzo, Falcao e Conti.

Nei ’50 nascono a Genova le Ferrari Sport, il cui laboratorio è sempre pieno di calciatori già dai tempi di Abbadie e Cucchiaroni. Finirà per indossarle perfino Gigi Riva. “Il piede più bello che ho visto è quello di Gigi Riva, considerata l’altezza dell’uomo, aveva un perfetto 41, il collo bello alto e potente”, racconterà un giorno Pietro Ferrari, il calzolaio di Bolzaneto. Sul finire dei Settanta si potevano notare le Ferrari ai piedi dei giocatori del Genoa Carlo Odorizzi, Tiziano Manfrin e Claudio Onofri. “Ho avuto anche le Magrini, le Tepa Sport e ho chiuso la carriera con le Adidas – ricorda Onofri. Da Ferrari e da Magrini all’inizio le pagavo, poi me le davano gratis. Nessun contratto. Dopo una partita con la Nazionale Sperimentale a Brema contro la Germania, feci un contrattino con la Tepa. Soldi pochi, ma scarpe a go go”. Tepa Sport nasce nel 1952 a Rudiano in provincia di Brescia. Nel 1974 sono le scarpe di Zoff, Facchetti, Scirea, Bettega e Riva (che in passato, corteggiato un po’ da tutti, aveva avuto anche le Pantofola d’oro).

Angelo Magrini ha fondato la sua azienda a metà degli anni Sessanta a Torino, si apre al calcio nei Settanta e sono alcuni giocatori del Toro (Onofri per esempio) e della Juve ad avere queste scarpe. Anche la piemontese Superga ha prodotto scarpe da calcio. Nei giornali apparivano le pubblicità di Claudio Sala, Walter Novellino e ancora una volta Zoff. Valsport nasce in provincia di Padova già nel 1920. Testimonial sono i soliti noti Riva e Capello. Riva disegna personalmente il prototipo e firma il contratto a patto che vengano riforniti tutti i suoi compagni del Cagliari. Nel 1980 si aprono le frontiere per i calciatori stranieri in Serie A. Alla Fiorentina arriva il campione del mondo argentino Daniel Bertoni, che indossa Atala Sport. Nata a Padova nel 1952, aveva vestito anche i campioni della Grande Inter come Corso, Mazzola, Jair e Burgnich. Racconta Pietro Biagini, una carriera tra A, B e C: “Nel 1979 ero a Brescia. Sulle mie scarpe portavo il simbolo Tepa per 300mila lire all’anno. L’anno successivo in A me ne offrirono 500. Rifiutai e Atala Sport mi diede un milione e mezzo più il materiale”. Con l’arrivo negli anni ’80 dei fuoriclasse stranieri, dall’estero giungono anche nuovi marchi prima abbastanza sconosciuti da noi, come Pony (Paolo Rossi), Brasilian (Boniek), Patrick (Platini e Laudrup). Per tutto il decennio gli scarpini italiani e stranieri resteranno comunque neri e molto sobri. La rivoluzione di materiali e colori arrivò nei Novanta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ti ricordi… Freddy Rincon, che fa parte della storia del Napoli per una serata da star in un anno da dimenticare

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “gli hotel di Cristiano Ronaldo diventeranno ospedali gratuiti”, ma è una notizia falsa

next