Non facciamoci troppe illusioni: è possibile, anche se ancora improbabile, che l’eurozona si disgreghi con la crisi del coronavirus e che l’euro possa perfino cadere. Anche perché i mercati finanziari sono nel panico a livello globale e gli spread dei paesi più deboli dell’eurozona schizzano già verso l’alto mentre i capitali fuggono precipitosamente verso il “porto sicuro” dei titoli di stato tedeschi.

La crisi finanziaria avanza rapidamente e non è escluso che il panico prenda il sopravvento e travolga tutto. I mercati stanno tracollando ma non hanno pietà: se scoppia una grave crisi sanitaria come quella del Covid-19, che annuncia una recessione a picco, allora gli operatori finanziari reclamano subito interessi più alti per compensare il rischio che la crisi porti al fallimento, parziale o totale, degli stati debitori. Non a caso lo spread – il differenziale tra gli interessi che lo stato italiano deve pagare sui Btp rispetto agli analoghi ma più sicuri titoli tedeschi – continua a salire.

Il governo italiano ha già annunciato maggiori spese per 25 miliardi, ma nel prossimo futuro diventerà indispensabile spendere molto di più e superare di gran lunga il limite del 3% del deficit sul Pil (stupidamente fissato a Maastricht). Lo stato italiano – come tutti gli altri stati dell’eurozona e dell’Europa e del mondo – si affanna a cercare il denaro per coprire i costi sanitari che esplodono, per garantire liquidità alle aziende e non farle fallire, e per dare respiro alle famiglie. Ma il debito pubblico italiano è già molto alto (135% sul Pil) e crescerà, e quindi gli interessi che il governo dovrà pagare aumenteranno e rischieranno di affossare l’economia nazionale. I mercati non perdonano. E l’intervento della Banca centrale europea di Christine Lagarde non è che una povera aspirina.

Non è pertanto adeguata la richiesta invocata ancora sul Sole 24 Ore – peraltro già avanzata circa 10 anni fa – da Romano Prodi e dell’economista Alberto Quadrio Curzio: secondo i due l’Unione Europea dovrebbe emettere eurobond per finanziare i costi della crisi e la ripresa economica. Sulla carta Prodi e Quadrio Curzio hanno ragione, ma la loro richiesta è illusoria.

Il governo della signora Merkel e la Commissione Ue magari concederanno un po’ più di flessibilità ai paesi colpiti dal Covid-19 ma assai difficilmente decideranno di rovesciare la politica di austerità che strangola l’eurozona da più di un decennio. L’intervento della Ue sarà debole e probabilmente fuori tempo massimo. L’Europa non ha istituzioni e politiche adeguate per fronteggiare una crisi grave come questa, e del resto lo shock finanziario tocca non solo l’Italia e la zona euro, ma è globale.

Sarebbe allora più immediato e efficace fare come a Hong Kong, Singapore e Macao: là i governi nazionali hanno “stampato denaro“ e lo hanno assegnato direttamente alle famiglie e alle imprese per compensare i redditi persi e sostenere la ripresa dell’economia nazionale. Il problema è che invece i Paesi dell’eurozona non hanno sovranità monetaria e che solo la Banca Centrale Europea potrebbe stampare denaro a favore dell’economia reale. Ma la Bce non può e non vuole farlo, perché i Trattati di Maastricht vietano alla Bce di sovvenzionare direttamente gli stati. La Bce può solo finanziare le banche, ma i suoi soldi non arrivano né agli stati per gli investimenti pubblici né all’economia reale.

L’unica possibilità è allora quella che gli stati nazionali, e che in primis il governo italiano, facciano loro direttamente dell’”helicopter money”, ovvero “gettino denaro dall’elicottero”, offrano denaro gratis alle famiglie, alle imprese e agli enti pubblici. L’”helicopter money” non è una favola per fessi: per combattere le crisi di liquidità è stato proposto da economisti del calibro di J.M. Keynes (con la famosa metafora del denaro da scavare nelle buche e da impiegare subito nell’economia reale), Milton Friedman e Ben Bernanke.

Gli economisti convenzionali, i media di regime e i politici più tradizionalisti inorridiranno di fronte a questa semplice proposta. E opporranno il fatto che – come si è scritto sopra – solo la Bce può stampare denaro, ma che invece nell’eurozona a guida teutonica questo è proibito. Eppure c’è un modo di aggirare subito l’ostacolo, un modo che propongo da anni, e che aveva già convinto, tra gli altri, Luciano Gallino, il maggiore studioso in Italia dei guasti del finazcapitalismo.

I governi della zona euro, in primis quello italiano, dovrebbero emettere Tassi di Sconto Fiscale come “quasi-moneta” (in gergo si chiamano così i titoli che possono essere convertiti subito in moneta sonante) e dovrebbero assegnarli a famiglie, imprese ed enti pubblici per coprire i costi sanitari, prevenire la recessione in arrivo ed espandere il Pil.

Emettendo i Tsf lo stato italiano non chiederebbe nulla al mercato finanziario e quindi non aumenterebbe lo spread. La Ue non potrebbe obiettare perché i Tsf sono semplici titoli di Stato, non sono moneta parallela e non aumentano il debito pubblico. Infatti alla scadenza, al quarto anno dall’emissione, quando saranno utilizzati per pagare le imposte, grazie al moltiplicatore keynesiano e all’aumento dell’inflazione, la crescita del Pil nei tre anni precedenti sarà tale che il gettito fiscale coprirà il valore di emissione dei Tsf. Quindi nessun aumento del debito pubblico. Anzi i Tsf eliminerebbero la minaccia di ristrutturazione del debito dell’Italia, nonché la possibile rottura dell’euro.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’annuncio del presidente parlamento Ue Sassoli: “Sono stato in Italia, quindi ora rispetterò i 14 giorni di quarantena”

next
Articolo Successivo

Christine Lagarde e Donald Trump, la coppia micidiale che in un giorno ha fatto fuori l’economia

next