Aveva creato con il marito William J. Bell (1927-2005) due tra le soap opera più famose della storia della tv, “Febbre d’amore” e “Beautiful“: la giornalista e sceneggiatrice statunitense Lee Phillip Bell è morta martedì scorso nella sua casa di Beverly Hills, nella contea di Los Angeles, all’età di 91 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dai suoi tre figli William James Bell, Bradley Phillip Bell e Lauralee Bell Martin con una dichiarazione: “E’ stata una moglie, una madre e una nonna amorevole e solidale. Graziosa e gentile, ha arricchito la vita di tutti coloro che l’hanno conosciuta. Ci mancherà moltissimo”. Nel 1973 Lee Philip aiutò il marito sceneggiatore William J. Bell a creare “Febbre d’amore“, da allora una delle più longeve soap. Dal loro lavoro di coppia nel 1987 fu lanciata un’altra soap di grande successo e tuttora in programmazione, “Beautiful“, con le avventure di Ridge Forrester e Brooke Logan sullo sfondo dell’ambiente dell’alta moda di Los Angeles.

Lee Phillip Bell è stata uno dei grandi nomi della tv americana, dove ha lavorato come giornalista, sceneggiatrice e produttrice. Per oltre 30 anni ha condotto il talk show “The Lee Phillip Show” sulla Cbs intervistando le più grandi star e anche i più grandi capi di stato, da Gerald Ford a Ronald Reagan. Nel suo salotto sono passati gli attori cinematografici Judy Garland, Clint Eastwood e Jerry Lewis; musicisti come i Rolling Stones e i Beatles; star della televisione e del palcoscenico come Lucille Ball, Jack Benny e Oprah Winfrey. Per la soap “Febbre d’amore” ottenne un Emmy Award nel 1975 ed è stata premiata alla carriera con il Lifetime Achievement Award del Daytime Emmy Award nel 2007.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piero Angela parla del Coronavirus: “Più che del contagio ho paura di un’altra convinzione che si sta diffondendo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, De Masi: “Con il telelavoro la produttività aumenta. Ma il Italia il capo vuole i dipendenti a portata di mano: io la chiamo ‘sindrome di Clinton'”

next