Aveva creato con il marito William J. Bell (1927-2005) due tra le soap opera più famose della storia della tv, “Febbre d’amore” e “Beautiful“: la giornalista e sceneggiatrice statunitense Lee Phillip Bell è morta martedì scorso nella sua casa di Beverly Hills, nella contea di Los Angeles, all’età di 91 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dai suoi tre figli William James Bell, Bradley Phillip Bell e Lauralee Bell Martin con una dichiarazione: “E’ stata una moglie, una madre e una nonna amorevole e solidale. Graziosa e gentile, ha arricchito la vita di tutti coloro che l’hanno conosciuta. Ci mancherà moltissimo”. Nel 1973 Lee Philip aiutò il marito sceneggiatore William J. Bell a creare “Febbre d’amore“, da allora una delle più longeve soap. Dal loro lavoro di coppia nel 1987 fu lanciata un’altra soap di grande successo e tuttora in programmazione, “Beautiful“, con le avventure di Ridge Forrester e Brooke Logan sullo sfondo dell’ambiente dell’alta moda di Los Angeles.

Lee Phillip Bell è stata uno dei grandi nomi della tv americana, dove ha lavorato come giornalista, sceneggiatrice e produttrice. Per oltre 30 anni ha condotto il talk show “The Lee Phillip Show” sulla Cbs intervistando le più grandi star e anche i più grandi capi di stato, da Gerald Ford a Ronald Reagan. Nel suo salotto sono passati gli attori cinematografici Judy Garland, Clint Eastwood e Jerry Lewis; musicisti come i Rolling Stones e i Beatles; star della televisione e del palcoscenico come Lucille Ball, Jack Benny e Oprah Winfrey. Per la soap “Febbre d’amore” ottenne un Emmy Award nel 1975 ed è stata premiata alla carriera con il Lifetime Achievement Award del Daytime Emmy Award nel 2007.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piero Angela parla del Coronavirus: “Più che del contagio ho paura di un’altra convinzione che si sta diffondendo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, De Masi: “Con il telelavoro la produttività aumenta. Ma il Italia il capo vuole i dipendenti a portata di mano: io la chiamo ‘sindrome di Clinton'”

next