La psicosi da Coronavirus è arrivata anche all’interno della Casa del Grande Fratello Vip. Mentre sui social c’è chi ironizza (“Gli unici che si salveranno sono gli inquilini del GF VIP”, ha twittato qualcuno affidandosi all’ironia spicciola), i “vipponi” del reality di Canale 5 sono stati messi a conoscenza della diffusione del virus in Italia e nel resto del mondo. Lunedì, prima della puntata, Alfonso Signorini è entrato all’interno dell’abitazione in compagnia di un infettivologo per dare ai concorrenti informazioni affidabili e verificate.

“Prudenza sempre e panico mai. I vostri cari stanno bene”, ha provato a rassicurare Alfonso Signorini. Rassicurazioni che si sono vanificate poco dopo, quando l’ex tronista Teresanna Pugliese (entrata nella Casa due settimane fa, dopo tutti gli altri) ha portato un po’ di “sana” disinformazione all’interno del programma. “In Cina c’è stato uno sterminio. Io ho visto delle immagini. Assurde, assurde, c’era gente che cadeva a terra stecchita (…) Fuori sono successe un sacco di cose negative che non posso raccontare”, ha spiegato, parlando di gente accasciata a terra e milioni di morti. A rincarare la dose è arrivata anche Sara Soldati. “Fino a che io ero fuori, in Italia non c’erano casi. Il problema grosso era in Cina. Una città cinese adesso è disabitata. Ci sono dei morti, il 2% dei cinesi”.

Racconti fuori da ogni realtà, che hanno mandato in allarme gli altri concorrenti, ignari di come stiano realmente le cose fuori dal reality. Fabio Testi, in particolare, si è preoccupato per suo figlio, che vive e lavora proprio in Cina. Patrick Ray Pugliese è rimasto sbigottito: “Ma il 2% di morti su un miliardo di cinesi è un numero altissimo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pechino Express 8, le pagelle della terza puntata: Soleil insulta la madre (“zitta, imbecille!”) e l’assistente dell’instancabile Enzo Miccio merita un premio

next
Articolo Successivo

Vieni da Me, Massimiliano Pani: “Ecco perché Mina, mia mamma, ha deciso non non apparire più”

next