Le auto più affidabili vendute in Italia? Hanno gli occhi a mandorla. Più nello specifico, portano sul cofano il marchio Toyota o altri che comunque al gruppo guidato dal colosso nipponico fanno riferimento. Parliamo infatti di Lexus, Daihatsu e Subaru, che secondo un’indagine portata avanti da Altroconsumo risultano quelle che danno maggiori gioie ai loro proprietari. Il sondaggio è stato realizzato insieme ad altre associazioni europee anche in Francia, Belgio, Spagna e Portogallo, coinvolgendo 43 mila automobilisti (13 mila nel nostro Paese).

E proprio il loro grado di soddisfazione è stato misurato, grazie a domande come: “L’auto dà problemi?”, e ancora “Quante volte l’hai portata dal meccanico?”. Quesiti inequivocabili e risposte chiare. Oltre ai brand giapponesi si sono piazzati al vertice della classifica anche Porsche, Audi e Honda. La brutta notizia invece è che i marchi italiani sono quelli messi peggio: Lancia, Alfa Romeo e Fiat, mestamente in ultima posizione.

La ricerca ha riguardato mezzi con più di dieci anni di anzianità, avendo presente che il parametro principale tenuto in considerazione è stato l’affidabilità, valutata incrociando l’età della vettura, il numero di chilometri percorsi e la quantità di guasti subiti ponderati in maniera differente in base alla gravità del guasto stesso. Seguono i consumi, per i quali gli utenti italiani hanno lamentato discrepanze tra quelli dicharati e quelli effettivi (qui le lamentele maggiori hanno riguardato Land Rover e Smart), e infine il design.

Ultima notazione è per la classifica riguardante il costo medio per la manutenzione dell’auto sostenuto nell’ultimo anno. Anche in questo caso al primo posto si piazza Toyota con 230 euro l’anno, seguita da Suzuki a 240, mentre i più cari sono sono Audi con 450 euro e Land Rover con 550 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari, a Maranello una mostra per celebrare 70 anni di vittorie alla 24 Ore di Le Mans

next
Articolo Successivo

Bmw SciAbile, quando la responsabilità sociale incontra la disabilità – FOTO

next