“Come mai durante Sanremo? Perché oltre che di musica si può parlare anche di ambiente perché è un’emergenza fondamentale”. Il “clean beach tour” di Piero Pelù fa tappa a Sanremo e lo fa proprio durante la kermesse musicale. “L’Italia di 70 anni fa era tutta un’altra cosa, sono cambiate le spiagge ma anche l’impatto dell’uomo sull’ambiente”, spiega il cantante tra i big in gara di Sanremo 2020. “Il Festival ha fotografato l’andamento del paese – conclude – E spero con la mia presenza qua quest’anno di introdurre in maniera netta il tema dell’emergenza ambientale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2020, la prima serata è una macchina del tempo. Ma inutilmente lunga

next
Articolo Successivo

Ho visto Sanremo 2020 e, a sorpresa, non mi sono annoiata. Mi duole ammetterlo ma la conduzione di Amadeus mi è piaciuta

next