Finisce con una standing ovation del Teatro Ariston e con gli occhi bagnati dalle lacrime l’omaggio di Tiziano Ferro a Mia Martini sulle note di ‘Almeno tu nell’universo‘, che il cantante ha voluto dedicare per la prima volta al suo compagno (che l’anno scorso ha sposato il suo compagno statunitense), come lui stesso ha sottolineato alla fine della sua esibizione. “Questa è un’operazione a cuore aperto“, ha detto Ferro scusandosi per le stonature e le difficoltà avute durante l’esecuzione del brano, non facile da interpretare perché pensato “su misura” per la straordinaria vocalità che aveva Mia Martini.

Scuse che, nella notte, una volta calato il sipario sull’Ariston, Tiziano Ferro ha voluto ribadire ancora una volta con un commosso messaggio su Instagram in cui si rivolge direttamente alla cantante scomparsa: “Mimì che vuoi che ti dica? È la vita di chi splende sempre di difetti. E ci ho provato, ma con tanto tanto amore davvero. Grazie a chi l’ha capito. #almenotunelluniverso“, ha scritto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2020, top&flop della musica della prima serata – Tiziano Ferro? Stavolta proprio non ci siamo

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, Le Vibrazioni portano per la prima volta la lingua dei segni al Festival

next