Eccoci qui come ogni anno a raccontare il migliore e il peggior momento musicale del Festival di Sanremo 2020. Non perdiamoci in chiacchiere.

Miglior momento musicale: Morgan e Bugo. È il classico caso di canzone intelligente e, musicalmente, consapevolmente significante, che al Festival proprio non attecchisce per ciò che riguarda i consensi. Anzi, appare fuori contesto, e se a Sanremo sei fuori contesto non ti capiranno mai, perché lì prima di tutto non canti la tua canzone, ma canti quel palco. Invece Sincero smonta i luoghi comuni e le piccole ipocrisie quotidiane che spesso siamo costretti ad abitare, e che rappresentano il sostentamento principale di quel palco: quello di cui si nutre e su cui impera.

Dà un enorme senso di impotenza, e vuole farlo. Sincero racconta lo scollamento tra la sincerità e l’autenticità, e chiede di scivolare via innocua, proprio come le tensioni vitali scivolano via nella vita del protagonista del brano. Brano riuscito, proprio perché, se andrà bene, sarà 21esimo. Per questo fino ad adesso è la miglior canzone. Morgan lo conosciamo; Bugo delizioso.

Il momento peggiore: Tiziano Ferro con Almeno tu nell’universo. Premesso che per me Riki non fa classifica e che non mi occupo di Alberto Urso, perché non mi va di parlare di copie di brutte copie, devo dire che Ferro mi piace davvero molto. Ieri sera però è riuscito a far sembrare più bella la sua canzone rispetto ad Almeno tu nell’universo, pezzo di una potenza inaudita.

Il suo stile risulta troppo intermittente sulla canzone di Mia Martini, e il punto non è divertirsi a far paragoni: quando canti brani del genere le comparazioni sono automatiche, scontate e doverose, e cantata da Mimì quella canzone ha una continuità musicale elegante che mal si sposa con il singhiozzare cadenzato di Ferro. Così diventa ansiogena. L’evidente emozione del cantante non aiuta, anzi rende il tutto quasi dilettantesco.

Ebbi parole compiaciute quando qualche anno fa Tiziano Ferro aprì un’edizione del Festival di Sanremo cantando Luigi Tenco. Stavolta proprio non ci siamo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Handshake, una band di ventenni che ha stoffa e notevoli sonorità psichedeliche

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, il messaggio nella notte di Tiziano Ferro dopo le stonature e le lacrime sul palco: “E ci ho provato…”

next