Ascoltare musica in mobilità, ad esempio durante gli spostamenti in metro o con altri mezzi pubblici, può essere molto piacevole. Non tutti però trovano comode le cuffie in-ear, a cui preferirebbero volentieri quelli on-ear, ossia dotate di padiglione auricolare che copre l’orecchio. Ovviamente le classiche circumaurali che si utilizzano a casa sarebbero però troppo scomode e ingombranti da portare in giro. Una soluzione perfetta in grado di unire le diverse esigenze in un unico prodotto è rappresentata dalle Bose On-Ear Wireless Triple Black, cuffie wireless dedicate all’ascolto di musica anche in mobilità, grazie a una struttura leggera e padiglioni di dimensioni contenute. Su Amazon sono oggi proposte con uno sconto del 48%, a 104,95 euro anziché 199,95 euro, con un risparmio di 95 euro.

Dotate di modulo Bluetooth, le Bose hanno un archetto regolabile che aderisce delicatamente alla testa e comodi padiglioni dai morbidi cuscinetti che avvolgono l’orecchio per offrire comfort ergonomico e isolamento acustico. Realizzate con materiali leggeri e fatti per durare, le Triple Black hanno padiglioni che possono essere ripiegati e riposti nella compatta custodia per il trasporto.

Il produttore parla di 15 ore di autonomia, con una ricarica completa in 1,5 ore tramite cavo USB e possibilità di collegarle alla sorgente audio anche tramite un classico cavo con jack, per proseguire l’ascolto anche nel caso in cui la batteria dovesse essersi esaurita e si fosse in una situazione in cui non sia possibile ricaricarle.

Bose, come da tradizione, è sinonimo di qualità audio, e le Triple Black non fanno eccezione, grazie alla combinazione delle tecnologie Bose TriPort e Active EQ che garantiscono bassi profondi e alti nitidi. Tuttavia, il produttore statunitense non dimentica che si tratta di un prodotto pensato per la mobilità. Ecco allora che sul padiglione destro troviamo i comandi manuali per riproduzione/pausa, e per muoverci avanti e indietro di un brano. Inoltre, le istruzioni vocali forniscono informazioni sull’autonomia della batteria, sullo stato della connessione e sull’identità del chiamante, mentre i comandi manuali consentono di passare facilmente dall’ascolto di musica alla gestione delle chiamate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Truffa sim swap, ormai viene da pensare che la sicurezza dei risparmiatori sia un tabù

next
Articolo Successivo

WiFi, segnale 10 volte più potente grazie alla superficie “intelligente” del MIT

next