Una vetrina sfondata e tanta rabbia. Inizia così la domenica di un giovane imprenditore italiano di Via Paolo Sarpi, la Chinatown di Milano, che questa mattina ha trovato la porta di vetro del suo negozio frantumata. “Sarpi è sempre stata molto tranquilla, è la prima volta che mi capita una cosa del genere”. A parlare è D.C., chef italiano ventenne, direttore del negozio colpito, che si rifiuta di pensare che questo sia un atto vandalico dovuto al coronavirus. “Da noi il personale è quasi totalmente cinese o asiatico. Anche i miei soci sono cinesi. Ma non penso che questo gesto sia dovuto a quello o almeno spero”. Il giovane imprenditore però aggiunge: “Nei giorni scorsi sia un nostro chef cinese che un altro cuoco del ristorante di un mio socio della zona sono stati insultati perché cinesi. Questa storia del coronavirus sta facendo impazzire tutti”.

E a confermare questa forma di razzismo in effetti, pochi giorni fa, è anche girato sul web un video in cui due ignari turisti cinesi venivano aggrediti verbalmente da un uomo dall’accento toscano: “Schifosi sudici, andate a tossire a casa vostra!”. E quando si chiede al giovane imprenditore di via Sarpi se pensa che dietro a questo gesto ci possa essere un movente razziale, dovuto proprio al virus cinese che sta terrorizzando il mondo, risponde: “Sinceramente lo escludo e non voglio che si crei il panico. Penso volessero rubare, anche se in effetti non sono nemmeno entrati. Spero che sia stato solo uno stupido atto vandalico e che non abbia nulla a che vedere col fatto che ci troviamo in una zona cinese e che il nostro locale sia gestito da ragazzi asiatici. Se invece così fosse sarebbe davvero preoccupante… Quello che penso sia più importante in questo momento è mantenere la calma e soprattutto non prendersela con la comunità cinese perché non ha nessuna responsabilità.”

Via Paolo Sarpi, meglio nota come la Chinatown di Milano, è da anni una zona molto frequentata dai milanesi perché ricca di negozi, bar, ristoranti e supermercati. Ultimamente, però, dopo la diffusione del Coronavirus, tantissimi ristoratori e attività hanno dovuto chiudere i battenti e questo ce lo conferma anche il giovane imprenditore: “Noi siamo aperti dal 2017 e la crescita della nostra attività e dell’area in generale è sempre stata costante. Da qualche giorno sembra tutto morto. Negozi e bar improvvisamente stanno chiudendo perché non riescono più nemmeno ad andare in pari. È questo è dovuto senza dubbio alla paura per il coronavirus. Sai cosa significa battere zero scontrini per giorni? Se non ce la fai nemmeno a ripagarti le bollette della luce devi chiudere. Anche da noi gli affari sono calati drasticamente in questo punto vendita. È come se la gente avesse paura di avvicinarsi ai cinesi. Come se fossero degli appestati. Spero che tutto questo finisca presto così che tutto possa tornare alla normalità”. Anche lo chef cinese insultato, che preferisce restare anonimo, vuole dire la sua: “Ormai non si parla più di virus, questo è razzismo e basta. Io vivo da 15 anni in Italia, che colpa ne ho io se c’è questo virus? Vengo insultato per strada. Mi gridano cinese di merda, vattene a casa tua col tuo virus. Fai schifo. Ma non capita solo a me. Ma anche a tantissimi miei connazionali. La gente deve capire che non è colpa nostra. Questo è razzismo. Punto e stop. Quello che è successo alla vetrina del negozio? Non penso sia un caso…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Capobianchi (direttrice virologia Spallanzani): “Italia prima a isolarlo in Europa, ora diffondiamo i risultati alla comunità scientifica”

next
Articolo Successivo

Roma, contestazioni dopo la nomina del nuovo direttore dei Servizi veterinari della Asl 4: “È stato dipendente di uno dei commissari”

next