In Italia “nel 2019 l’attuazione delle politiche fiscali è stata migliore del previsto, contribuendo al miglioramento del sentiment dei mercati”. Lo sottolinea il Fondo Monetario Internazionale nella dichiarazione finale della missione incaricata di redigere il rapporto annuale sull’Italia. In compenso lo staff dell’Fmi osserva come “un impegno costruttivo” del governo Conte 1 con la Commissione Ue ha contribuito a evitare l’avvio di una procedura per deficit eccessivo. Per il futuro, oltre a raccomandare le solite riforme strutturali, il Fondo ora diretto da Kristalina Georgieva (nella foto) suggerisce di “ridurre ulteriormente il cuneo fiscale“, che al 48% è molto più alto del 42% della media Ue nonostante il recente taglio di circa 3 miliardi.

Ma come trovare le risorse? La ricetta del Fmi mette al primo posto l’ottimizzazione delle aliquote Iva agevolate, aumentandole sui beni consumati soprattutto dai più benestanti (la famosa rimodulazione” di cui si è molto parlato prima della manovra, per poi archiviarla). Ma anche mettendo mano alle rendite catastali che “impongono un fardello sproporzionato sulle famiglie più povere” e proseguendo nella lotta all’evasione fiscale. Questo richiede però, sottolinea il report, uno sforzo per “rafforzare l’agenzia delle Entrate, anche per colmare le carenze di personale e rimuovere gli ostacoli legali alla riscossione”.

Al giudizio cautamente positivo sulla politica fiscale condotta lo scorso anno contribuiscono “una attuazione di bilancio prudente nonostante il lancio di nuovi programmi sociali come Quota 100 e il Reddito di Cittadinanza ed entrate fiscali più alte del previsto”. Però il debito “rimarrà elevato, vicino al 135% del pil nel medio termine, e aumenterà a lungo termine a causa della spesa pensionistica”. Quindi “è fortemente consigliabile trarre vantaggio dagli attuali bassi tassi di interesse per attuare un consolidamento credibile a medio termine”. Inoltre alla luce della “debole crescita potenziale” – 0,5% per il 2020 dopo lo 0,2% stimato per il 2019, con l’Italia sempre fanalino di coda della Ue – viene caldeggiato “un pacchetto complessivo di riforme” che la aumentino e rafforzino la resilienza” della sua economia. L’indicazione è di abbattere “le barriere alla concorrenza” nei servizi, nel commercio e nell’energia. Ma serve anche un piano di interventi con “misure per sostenere la crescita, proteggere i meno abbienti e combattere il cambiamento climatico“.

“Contrattazione sui salari va portata a livello aziendale” – Secondo l’Fmi, in Italia i salari “restano relativamente alti rispetto alla produttività”. Per questo occorre “modernizzare la negoziazione salariale” decentralizzandola – dunque portandola al livello aziendale – e “in questo contesto si può pensare a un salario minimo”. Inoltre riduzioni ben disegnate del cuneo fiscale sul secondo percettore di reddito e più servizi per l’infanzia e per l’assistenza agli anziani sono auspicati per aumentare la partecipazione delle donne al lavoro.

“Allineare il reddito alle migliori pratiche internazionali” – Sul reddito di cittadinanza, che si rivolge ai “più vulnerabili”, vengono invece ribadite alcune delle critiche fatte un anno fa: offre “benefici superiori ai livelli internazionali che però “calano troppo rapidamente rispetto alla dimensione delle famiglie, penalizzando quelle più povere e più numerose“. Non solo, i benefici “si riducono nettamente in caso venga accettato un lavoro, soprattutto in caso di basse retribuzioni“. Di qui l’invito ad allineare le caratteristiche del Rdc “con le migliori pratiche internazionali per evitare un disincentivo al lavoro e una dipendenza dal welfare“.

“Pensioni anticipate? Solo se l’assegno è legato ai contributi” – Per quanto riguarda il cantiere delle pensioni, serve “correttezza” sui pensionamenti anticipati “legando strettamente gli assegni ai contributi versati nell’arco della vita lavorativa“. L’Italia “ha fatto più della maggior parte degli altri paesi con risparmi nel lungo termine. Ma “nei prossimi decenni le pressioni sulla spesa sono destinate a salire considerevolmente” anche per via di Quota 100 “che accresce la spesa e crea una discontinuità sull’età pensionabile”. L’Fmi invita a “mantenere il collegamento fra età pensionabile e aspettativa di vita, adeguando i parametri previdenziali per garantire la sostenibilità” del sistema.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), l’imprenditore del terzo settore sui debiti della PA: “Soldi c’erano, ma non pagavano. Abbiamo sempre rischiato chiusura”

next
Articolo Successivo

Truffa sim swap, “così attraverso il numero di telefono ci hanno svuotato il conto”. I rischi nascosti nelle nuove procedure di sicurezza

next