Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte non andrà a Davos, dove alle 16 era in agenda il suo intervento al World economic Forum. Il premier resta a Roma, dove alle 18 presiederà una riunione del “cantiere Taranto“, in vista del varo del decreto con le misure per la città dell’ex Ilva. Alle 21, poi, è in programma un consiglio dei ministri che dovrebbe esaminare il dossier delle nomine nelle agenzie fiscali, Entrate, Dogane e Demanio, rimaste senza vertici. E forse, come fuori sacco, anche il decreto sul taglio del cuneo.

Alle Entrate dovrebbe arrivare, come da anticipazioni, Ernesto Maria Ruffini -commercialista ritenuto vicino a Matteo Renzi che l’Agenzia l’ha già guidata fino al 2018 – alle Dogane Antonio Agostini e al Demanio Marcello Minenna, responsabile dell’ufficio Analisi quantitativa e innovazione finanziaria della Consob ed ex assessore al Bilancio nella giunta Raggi.

In realtà nell’agenda di Conte l’appuntamento svizzero non era mai apparso ufficialmente: la sua partecipazione all’evento era rimasta in forse. Poi, complice il passo indietro di Luigi Di Maio e la necessità di lavorare su alcuni dossier urgenti, il premier ha deciso definitivamente di rimanere a Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali, impresentabili per l’Antimafia: ‘Due imputati per corruzione in Calabria con Fi e un condannato in primo grado in Emilia con Fdi’

next
Articolo Successivo

Regionali, Morra annuncia gli impresentabili: “Due di Forza Italia e uno di Fratelli d’Italia. Chi ineleggibile, se eletto deve decadere”

next