“Quando si diventa ministri si giura sulla Costituzione dove è scritto che tutto è nelle forme e nelle modalità previste dalla legge: ricordo agli uomini di Stato che se siamo servitori dello Stato dobbiamo attenerci a quello che la nostra Costituzione dispone. Chi viene candidato, se ineleggibile, qualora eletto dovrebbe decadere“. Così il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, rispondendo a un giornalista che gli riferiva come per il leader della Lega, Matteo Salvini, decideranno gli elettori la “validità” dei candidati. Poco prima Morra aveva annunciato i candidati “impresentabili”: due di Forza Italia in Calabria e uno di Fratelli d’Italia in Emilia-Romagna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Conte non va a Davos: resta a Roma per la riunione del cantiere Taranto e il cdm sulle nomine nelle agenzie fiscali

next
Articolo Successivo

Tropea, Berlusconi dal palco: “Conosco Jole Santelli da 26 anni, non me l’ha mai data”

next