Riesplodono le proteste in Libano: nel centro di Beirut si sono scontrati centinaia di manifestanti e agenti di polizia in tenuta antisommossa, che rispondono sparando lacrimogeni e usando gli idranti per disperderli. Si registrano quasi 400 persone ferite tra i manifestanti e tra gli agenti: la Croce rossa libanese e delle protezione civile parla di 377 persone ferite e ricoverate in ospedale.

Le manifestazioni che scuotono Beirut dallo scorso 17 ottobre, per ottenere una nuova leadership e un miglioramento della condizione economica, hanno ripreso vigore questa settimana per via dei ritardi nella formazione del nuovo governo. Il presidente della Repubblica libanese Michel Aoun ha ordinato all’esercito di intervenire per disperdere i manifestanti anti-governativi che tentano di entrare nella zona “fortificata” che conduce alla sede del parlamento, tra piazza dei Martiri e piazza dell’Etoile. I manifestanti hanno lanciato pietre, sbarre metalliche, rami e fuochi d’artificio, mettendo a ferro e fuoco le piazze. Il presidente Aoun ha inoltre chiesto ai ministri della Difesa, dell’Interno e della Sicurezza “di proteggere l’incolumità dei manifestanti pacifici, evitare gli scontri, garantire la sicurezza della proprietà pubblica e privata e ripristinare l’ordine nel centro della capitale”. I media libanesi dicono che anche alcuni giornalisti e cameramen sono stati colpiti dagli agenti di polizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, altri 4 casi della misteriosa polmonite virale: il numero ufficiale sale a 45. Gli scienziati inglesi: “Possibili 1700 contagi”

next
Articolo Successivo

Usa, i legali di Trump: “Impeachment interferisce con il voto”. Dem: “Presidente minaccia a sicurezza nazionale, rimuoverlo”

next